Page is loading...

1. Muhammad (S) (Il Sommo Profeta)

1.Muhammad (S) 1 (Il Sommo Profeta)

Epiteto: l’Eletto (al-Mustafà)

Soprannomi: Padre di Jàsim (Abu-l-Jàsim)2, il Migliore delle Creature (Khairu-l-Bariyyah), il Profeta della Misericordia (Nabiyyu-r-Rahmàh), l’Eroe (Sàhibul-Malhamàh), colui che permette le cose buone (Muhàlillu-t-Tayyibàt), il Sigillo dei Profeti (Khàtamu-n-Nabiyyin), inviato a coloro che lodano molto Dio (Rasúlu-l-Hammàdin), misericordia per tutte le creature (Ràhmatu-l-lil°alamin), guida dei piú nobili di coloro sui cui volti risplende la luce {della fede e del timor di Dio} (Gàidu-l-júrri-l-muhajjalín), il Servo di Dio (Abdullah), il Migliore {delle Creature} di Dio (Khiaratullah), il Signore degli Inviati (Sayyidu-l-Mursalín), la Guida dei Timorati (Imamu-l-Muttaghin), il Diletto di Dio (Habibullah),

il Prediletto di Dio (Safiyyullàh), il Dono di Dio (Ni´matullah), il Portabandiera (Sahibu-l-Liwà), Figlio delle Pure (Ibnu-l-Fawatim), il Servo Sostenuto {da Dio} (Al-°Abdu-l-muayyad), il Profeta dal Carattere Purificato (An-Nabiyyu-l-Muhazzàb), il Prescelto Favorito (As-Safiyyul-l-Mujarrab), l’Amato Eletto (Al-Habibu-l-Muntajab), il Fidato Eletto (Al-Aaminu-l-Muntakhàb), il Padrone dell’Hawd e del Kauthar (Sahibu-l-Hawdi Wa-l-Kawthar),

il Migliore degl’Uomini (Khairu-l-Bashar), il Prediletto per la Sapienza (Al-Murtadha lil°Ilm), colui che proibisce le cose turpi (Muharrimu-l-Khaba’is), la Chiave del Paradiso (Miftàhu-l-Jannah), la Preghiera d’Abramo (Da´watu Ibrahim), la Buona Novella di Gesú (Bushrà Isà).

Padre: Abdullah.

Madre: Aminah, figlia di Wahab.

Data di nascita: nacque all’alba, venerdí 17 Rabi´ul’Awwal3 dell’anno denominato “Amulfíl” (Anno dell’Elefante, 570 d.C.).

Luogo di nascita: La Mecca.

Data della morte: domenica (prima del tramonto), 28 safar dell’anno 11 (A.H.)4

Età al momento della morte: sessantatré anni.

Causa della morte: avvelenamento provocato dal veleno che era stato messo nel suo cibo.

Luogo di sepoltura: Medina.

Figli: tre maschi e quattro femmine.

I maschi: Al-Jasim (detto il Puro), Abdullah (detto il Buono), Ibrahim (Abramo). La madre dei primi due era Khadijah, mentre la madre del terzo era Màriah.

Le femmine: Zàinab, Ruqayyàh, Umm Kulthum, Fatima.

Iscrizione presente sul suo anello: “Le Due Testimonianze” (Ash-Shahàdatan).

  • 1. (S) abbreviazione di “salla allahu wa alehi wa aliyhi wa sallam”: “pace e benedizioni di Allah su di lui e sulla sua famiglia”.
  • 2. L’appellativo costituito da “abú” (padre) o “umm” (madre) seguito dal nome del figlio è chiamato “kunyah”.
  • 3. I mesi dell’anno lunare islamico sono nell’ordine: muharram, safar, Rabi´ul-Awwal, Rabi´uth-Thani, Jumada-l-Awwal, Jumada-th-Thani, Rajab, Sha´ban, Ramadhan, Shawwal, Dhu-l-Qa´dah, Dhu-l-Hajjah.
  • 4. Ovvero il tempo (computato in anni lunari) trascorso dall’Egira, l’emigrazione del santo Profeta dalla Mecca a Medina (622 d.C.).

Share this page