Page is loading...

Sura al-Baqarah Versetto 212

زُيِّنَ لِلَّذِينَ كَفَرُواْ الْحَيَاةُ الدُّنْيَا وَيَسْخَرُونَ مِنَ الَّذِينَ آمَنُواْ وَالَّذِينَ اتَّقَواْ فَوْقَهُمْ يَوْمَ الْقِيَامَةِ وَاللّهُ يَرْزُقُ مَن يَشَاء بِغَيْرِ حِسَابٍ ﴿212﴾

218. La vita terrena è stata resa bella per i miscredenti, i quali scherniscono i credenti. Ma coloro che avranno temuto Allah, saranno superiori a loro nel Giorno del Giudizio. E Allah dona a chi vuole, senza contare.

Commento

Il celebre esegeta del sacro Corano Bin Abbas afferma: “Questo versetto è stato rivelato a proposito dei capi della tribú dei Quraysh, che conducevano una vita piena di agi e comodità, e che schernivano i credenti poveri e bisognosi, dicendo: “Se il Profeta (S) avesse avuto personalità, e fosse venuto da parte di Dio, l’aristocrazia e i capi delle tribú l’avrebbero seguito”. Fu allora rivelato il versetto, che confutò questa infondata tesi.

Quanto abbiamo ora detto ha validità generale, o può essere considerato un complemento del versetto precedente, che parlava dei giudei: “La vita terrena è stata resa bella per i miscredenti…”. Essi, pieni di superbia, si prendevano gioco dei credenti poveri e bisognosi: “…i quali scherniscono i credenti”, ma essi, sono credenti, e dunque superiori a ogni miscredente: “Ma coloro che avranno temuto Allah, saranno superiori a loro nel Giorno del Giudizio”

In effetti, nell’aldilà le stazioni spirituali assumono una forma concreta, e i credenti occuperanno alti livelli spirituali. È come se i credenti fossero al di sopra dei cieli, e i miscredenti vivessero nelle profondità della terra, e ciò non deve stupire, poiché: “E Allah dona a chi vuole, senza contare”
Questo versetto è in realtà una lieta novella per i credenti e un ammonimento, una minaccia per i benestanti superbi e miscredenti.

Il Signore Eccelso dona senza misura, per il fatto che Egli non elargisce la Sua grazia in base alle buone azioni compiute, ma dona in base alla Sua generosità, che è infinita, non ha misura.

Share this page