Page is loading...

Glossario dei Termini di Uso Frequente

ĤARĀM: vietato, illecito. E’ necessario astenersi dagli atti ĥarām. Se qualcuno compie un atto ĥarām, sarà punito dalla corte islamica, o nell’Aldilà, o entrambe le cose.

IHTIYAT WAJIB: precauzione wajib. Ha lo stesso significato di wajib, con la differenza che ogniqualvolta un Mujtahid dica che “è precauzione wajib”, i suoi seguaci hanno l’opzione di lasciare il taqlid (smettere di seguirlo), per quanto riguarda il problema in questione, e seguire la fatwa del secondo Mujtahid di loro preferenza, sempre che abbia un’opinione distinta.

JA'IZ, ĤALĀL, MUBAH: permesso, concesso, legittimo, legale. Gli atti e le cose che sono permessi e legittimi. Non esiste ricompensa per compierli, né punizione per trascurarli.

MARJA' (pl. MARAJI'): letteralmente, significa il punto di riferimento. Si usa per descrivere i Mujtahidun di alto rango che sono un punto di riferimento per la gente.

MAKRUH: reprensibile, non raccomandabile, sconsigliato. Si usa per gli atti che non sono raccomandati, ma non sono ĥarām. Se una persona compie un atto makruh, non sarà punita; ciononostante, se si astiene dal compierlo, sarà ricompensata.

MUJTAHID, o FAQIH (pl. FUQAHA'): un giurista. Uno studioso di religione esperto nelle leggi islamiche, la Shari°ah. Di solito si usa per i Mujtahidun di alto rango, che sono seguiti dalla gente.

SUNNAT o MUSTAHAB: raccomandato, desiderabile, migliore. Si riferisce agli atti che sono raccomandati ma non wajib. Se una persona li trascura, non sarà punita; ciononostante, se li compie, sarà ricompensata.

WAJIB: doveroso, necessario, incombente. Un atto che deve essere compiuto. Una persona sarà punita per aver trascurato un atto wajib, per esempio, le preghiere quotidiane.

Share this page