Page is loading...

Sura al-Baqarah Versetto 164

إِنَّ فِي خَلْقِ السَّمَاوَاتِ وَالأَرْضِ وَاخْتِلاَفِ اللَّيْلِ وَالنَّهَارِ وَالْفُلْكِ الَّتِي تَجْرِي فِي الْبَحْرِ بِمَا يَنفَعُ النَّاسَ وَمَا أَنزَلَ اللّهُ مِنَ السَّمَاء مِن مَّاء فَأَحْيَا بِهِ الأرْضَ بَعْدَ مَوْتِهَا وَبَثَّ فِيهَا مِن كُلِّ دَآبَّةٍ وَتَصْرِيفِ الرِّيَاحِ وَالسَّحَابِ الْمُسَخِّرِ بَيْنَ السَّمَاء وَالأَرْضِ لآيَاتٍ لِّقَوْمٍ يَعْقِلُونَ ﴿164﴾

170. In verità, nella creazione dei cieli e della terra, nell’alternarsi della notte e del giorno, nella nave che solca il mare carica di cose utili alla gente, nell’acqua che Allah fa scendere dal cielo, vivificando con essa la terra morta e disseminandovi animali di ogni tipo, nel mutare dei venti e nella nuvola soggiogata fra il cielo e la terra, {in tutto ciò} vi sono invero segni per la gente che ragiona.

Commento

Dal momento che nel versetto precedente s’è parlato del sacro principio del tawhid, in questo versetto il Signore Eccelso dà una prova, fornisce un argomento della Sua esistenza e unicità.

Preliminarmente, è necessario fare attenzione che l’eccezionale ordine, la perfetta armonia che regna nell’universo, è una delle sicure prove, uno degl’inconfutabili argomenti dell’esistenza e dell’unicità divina, che ogni essere umano ha davanti agli occhi.

In questo nobile versetto vengono ricordati alcuni elementi degli effetti dello straordinario e perfetto ordine che regna in questo immenso universo, ognuno dei quali è un chiaro segno dell’esistenza e dell’unicità divina.

1. In verità, nella creazione dei cieli e della terra,

2. nell’alternarsi della notte e del giorno,

3. nella nave che solca il mare carica di cose utili alla gente,

4. nell’acqua che Allah fa scendere dal cielo, vivificando con essa la terra morta e disseminandovi animali di ogni tipo,

5. nel mutare dei venti

6. e nella nuvola soggiogata fra il cielo e la terra…

Questi sono gli inconfondibili segni dell’esistenza e dell’unicità divina per la gente che riflette: “…{in tutto ciò} vi sono invero segni per la gente che ragiona”

Share this page