Introduzione

Sembra che molti Musulmani non si rendano conto della forza del Corano. Generalmente, il Corano si legge ogni giorno, ma il suo vero contenuto è frequentemente trascurato. La lettura del Corano oggi è diventata per un Musulmano medio un’abitudine formale o tradizionale, alla quale aderisce per obbligo sociale. Si legge ai funerali o durante le cerimonie nonostante che qualche volta le stesse cerimonie siano contro l’Islam.

Il Corano sta perdendo la sua presa nella vita dei Musulmani per mancanza di comprensione o per fraintendimento. Questa pericolosa tendenza è sfruttata al massimo dai nemici dell’Islam. Gli stessi popoli Musulmani hanno cominciato a minimizzare il Corano e a dubitare sulla sua autenticità e sulla sua gloria. Questo fenomeno ha causato danni catastrofici alla società e ha contribuito moltissimo alla sua instabilità. Molti Musulmani, chi per ignoranza, chi per debolezza o ipocrisia hanno preso parte in qualche maniera alla lotta contro l’Islam. E nonostante il fatto che alcuni di loro si fanno ancora chiamare Musulmani, si ritirano e si rigirano dall’altra parte silenziosamente, quando l’Islam viene menzionato.

Esiste un disperato bisogno di un programma sistematico e ben studiato per rendere più popolare la letteratura islamica religiosa. Naturalmente, ci sono ancora molti ostacoli sulla strada dei Musulmani coscienziosi. Nei paesi Musulmani non c’è un sufficiente numero di esperti per portare avanti questo compito impegnativo, né ci sono i mezzi e i sostegni finanziari per raggiungere questo obiettivo. Di conseguenza, il campo di battaglia è disseminato di vittime musulmane uccise o impoverite o persuase ad abbandonare l’Islam e qualche volta ad unirsi alle file nemiche.

Uno dei nostri più importanti compiti è quindi quello di mostrare alla mente indagatrice del Musulmano che il Corano è la Rivelazione di Dio Onnipotente al nostro Profeta Muhammad (S)1.

L’Autore

  • 1. (S) abbreviazione di “salla Allahu wa alehi wa aliyhi wa sallam”: “pace e benedizioni di Allah (SwT) su di lui e sulla sua famiglia”.