Female Role Models From Ahlulbayt (a)

Bismillah Al-Rahman Al-Rahim.  Assalam Aleykum.

In this clip, we're going to be discussing how we can connect with the female figures of the Ahlulbayt (AS). And obviously if you watch channels such as this or you've heard your parents speaking about the women of the Ahlulbayt (AS). Again, Lady Fatima Zahra (SA), Lady Zainab, we can also think about Lady Khadija (SA) even Umm Salamah (SA), who was one of the wives of the Holy Prophet who stood staunchly by Imam Ali and Lady Fatima (AS).

Then we do have these examples to follow and you will have heard that it's good to take them as examples to follow. But when we look at the world that we are living in, and I would argue that this is not just in the West, but this is become something global with the huge amount of money that is going into the entertainment industry, we can see that the type of female figures that are being promoted for girls to follow are completely the opposite of what we find with the women of the Ahlulbayt (AS).

So perhaps sometimes when we are looking at how we can connect to, as an example Lady Fatima (SA), you may sometimes feel that this is such an unrealistic request. And Lady Fatima Zahra (SA),  she feels like, yes, mashallah, she was the example of strength and piety and purity. She was a gift from Jannah to the Holy Prophet peace be upon him. But she was living in a different time. She was living in different circumstances. And nowadays, as girls and as women, we are living in a very different society where we are being bombarded every day with images of how we are meant to be as women.

And it seems almost like an absurd idea to ask a girl to follow an example of Lady Zainab (SA) or Fatima Zahra (SA) in this climate. How can we be like the women of Ahlulbayt (AS) in this climate? How can we put that into practice? How can we make it something real?

It's very important for us to understand the aims behind the entertainment industry, the fashion industry that are trying to mold girls from the age of six upwards to fulfil a certain image of what a woman should be like, what a girl should be like, and what a woman should be like.

This is something that I feel very strongly about because this was something that I noticed when I was a teenager and I felt very uncomfortable with the pressure, psychological pressure coming from different directions at a very young age to try to be attractive in a certain way. And as psychologists say, we are teaching girls to objectify themselves.

What does that mean? It means that girls in a society where we have all of this media that we know about are being taught not to feel comfortable in themselves, that they're being taught to look at themselves as objects.

Women in this society and in this culture are objects, and they are objects by means of which companies can make money. So women are products. They are objects, they are things through which a car company can make money. A man, but behind a desk at a music company can make money. The women that are at the forefront of the pop industry are helping a man sitting behind a desk to pay for his swimming pool in Hollywood. So girls are things through which other people make money for themselves and buy themselves nice houses and nice cars and nice swimming pools, etc.

This is a huge industry, and so it's very important to be aware of not being used by this industry to help people to make money and to line their pockets with dollars and pounds at your expense.

You are not an object. You are a human being with a soul, a spirit, a heart, a mind and intellect. This is what Islam teaches. Islam teaches that a woman is under nobody's control except the control of Allah (SWT). We as women, give respect to certain family members. We cooperate as wives. We cooperate as mothers in order to form a strong society. So the aim of the Muslim woman in the workplace, at home is to be there in order to try to build this strong and healthy society where all of us can develop intellectually and spiritually and emotionally.

The Muslim woman is not an object to be exploited by an industry that does not care about her well-being. Just the other day, I saw some videos of a dance competition for girls of maybe eight or nine. It was a whole program, actually, about the exploitation of girls and women in the media. And in this video, you have girls of eight or nine participating in a dance competition and behaving inappropriately, extremely inappropriately. And this is because they have been trained to behave in that way.

The girls are almost being treated like animals that should be trained to behave in a certain way in order to make certain people, money. This is the society that we are living in and this is what we need to be wary of. So then we come back to the point that I was making earlier as to why we should aspire to the women of the Ahlulbayt (AS).

So we're not just aspiring to be close to them, to model ourselves on them, to connect to them for the sake of trying to reach an impossible ideal. We are not there to try to pretend to be pious. You know, my mother's telling me I need to follow Lady Fatima (SA),  and I'm feeling like this is all a bit too much pressure and an impossible ideal. So I'm just going to kind of pretend that I'm being pious like her, but,  actually, I don't have any idea about how to be like that. That's not the aim.

Rather, as the Imams of Ahlulbayt (AS) have taught us, it is possible to connect to them through the heart. It is possible to connect to them through the spirit. The Ahlulbayt (AS) are living guides. They are there in the spirit to guide us every step of the way. So how we connect to the spirit of the Ahlulbayt (AS) is through our intention, is through doing Tawassul, seeking their intercession to assist us.

And one of the reasons why we want to model ourselves on the women of Ahlulbayt (AS) is because they were strong, they were spiritual women. They had a developed consciousness of Allah (SWT). They were gifted with special gifts because of their high spiritual elevated station. They had knowledge. They were women of knowledge, and they stood up against being exploited. They stood up against being part of an industry where women are used for the benefit of others.

If we think about the Bani Umayyah and Bani Abbas who took over power - the Umayyads and Abbassids, very quickly in their courts, they started to employ dancing women and dancing girls to entertain them. Women of Ahlulbayt (AS) wouldn't do that because they are saying that my station is far above that role of just being like a performing animal for you, for your entertainment.

A woman is not there for someone's entertainment. We are there to grow and develop spiritually and emotionally and in terms of knowledge, in order to build a strong and healthy society and in order to be able to have a good Akhirah.

Col nome di Dio, il Clemente, il Misericordioso

Assalam aleykum. In questa clip discuteremo di come possiamo entrare in rapporto con le figure femminili dell'Ahlulbayt (a). E ovviamente se guardate canali come questo o avete sentito i vostri genitori parlare delle donne dell'Ahlulbayt (a) - ad esempio la nobile Fatima Zahra (a), la nobile Zainab (a), possiamo pensare anche alla nobile Khadija (a), a Umm Salamah (a), una delle mogli del santo Profeta, che sostenne con fermezza l'Imam Ali (a) e la nobile Fatima (a) - allora avrete presente questi esempi da seguire e avrete sentito dire che è bene prenderli come esempi da seguire.

Ma quando guardiamo al mondo in cui viviamo - e direi che questo non riguarda soltanto l'Occidente, ma è diventato qualcosa di globale - e l'enorme quantità di denaro investito nell'industria dell'intrattenimento, vediamo che il tipo di figure femminili che vengono proposte alle ragazze come modelli da seguire sono completamente all'opposto di quelli che troviamo nelle donne dell'Ahlulbayt (a).

Così quando cerchiamo di capire come metterci in relazione, ad esempio, con la nobile Fatima (a), a volte questa ci sembra una richiesta davvero irrealistica. E sentiamo che la nobile Fatima Zahra (a), sì, mashallah, era un esempio di forza, di religiosità e di purezza, era un dono della Jannah [Paradiso] per il santo Profeta (s), ma viveva in un'epoca diversa, viveva in circostanze diverse, e oggi noi, come ragazze e come donne, viviamo in una società molto diversa, in cui siamo bombardate ogni giorno da immagini di come ci si aspetta che noi siamo in quanto donne. E sembra quasi un'idea assurda chiedere a una ragazza di seguire l'esempio della nobile Zainab (a) o della nobile Fatima Zahra (a) in questa atmosfera. Come possiamo essere come le donne dell'Ahlulbayt (a) in questo atmosfera? Come possiamo mettere in pratica il loro esempio? Come possiamo renderlo qualcosa di reale?

È molto importante per noi comprendere gli obiettivi che stanno dietro all'industria dello spettacolo e all'industria della moda, che cercano di plasmare le ragazze dai sei anni in su per realizzare una certa immagine di come una donna dovrebbe essere, come dovrebbe essere una ragazza e come dovrebbe essere una donna.

E' qualcosa che sento molto perché è qualcosa che ho notato quando ero adolescente. Mi sentivo molto a disagio per la pressione, una pressione psicologica che veniva da diverse direzioni, quando ero ancora molto giovane, e che spingeva a cercare di essere attraente in un certo modo. Come dicono gli psicologi, stiamo insegnando alle ragazze a reificare se stesse. Che cosa significa? Significa che alle ragazze, in una società in cui ci sono tutti questi media, come sappiamo, viene insegnato a non sentirsi a proprio agio così come sono, viene loro insegnato a guardarsi come oggetti.

Le donne in questa società e in questa cultura sono oggetti, e sono oggetti attraverso i quali le aziende possono fare soldi. Quindi le donne sono prodotti. Sono oggetti, sono cose attraverso le quali un'azienda automobilistica può fare soldi, un uomo dietro la scrivania di una casa discografica può fare soldi. Le donne che sono in prima linea nell'industria del pop aiutano un uomo seduto dietro una scrivania a pagare la sua piscina a Hollywood. Quindi le ragazze sono cose attraverso le quali altre persone fanno soldi per se stesse e si comprano belle case, belle macchine, belle piscine, etc.

Questo è un settore industriale enorme ed è quindi molto importante stare attente a non lasciarvi usare da questi settori che aiutano la gente a fare soldi e a riempirsi le tasche di dollari e sterline a vostre spese.

Tu non sei un oggetto. Sei un essere umano con un'anima, uno spirito, un cuore, una mente e un intelletto. Questo è ciò che insegna l'Islam. L'Islam insegna che una donna non è sotto il controllo di nessuno, se non il controllo di Allah (SWT). Noi, come donne, rispettiamo certi membri della famiglia, collaboriamo come mogli, collaboriamo come madri allo scopo di costruire una società forte. Quindi l'obbiettivo della donna musulmana sul posto di lavoro e a casa è di essere attiva per cercare di costruire una società forte e sana, in cui tutti noi possiamo svilupparci intellettualmente, spiritualmente ed emotivamente.

La donna musulmana non è un oggetto da sfruttare per un'industria che non si preoccupa del suo benessere. Proprio l'altro giorno ho visto alcuni video di una gara di ballo per ragazze di otto o nove anni. Era un intero programma, in realtà, sullo sfruttamento delle ragazze e delle donne nei media. E in questo video ci sono ragazze di otto o nove anni che partecipano a una gara di ballo e si comportano in modo inappropriato, estremamente inappropriato. E questo perché sono state addestrate a comportarsi in quel modo. Le ragazze sono trattate quasi come animali da addestare a comportarsi in un certo modo per fare fare soldi a certe persone. Questa è la società in cui viviamo ed è a questo che dobbiamo fare attenzione.

Torniamo adesso al punto di cui parlavo prima, sul perché dovremmo ispirarci alle donne dell'Ahlulbayt (a). Non aspiriamo ad avvicinarci a loro, a modellarci su di loro, a metterci in relazione con loro per cercare di raggiungere un ideale impossibile. Il nostro scopo non è quello di fingere di essere religiose - sapete: mia madre mi dice che devo imitare la nobile Fatima (a) e io sento che è troppo stressante, un ideale impossibile, quindi fingo in qualche modo di essere religiosa come lei, ma in realtà non ho la minima idea di come fare. L'obiettivo non è questo. Piuttosto, come ci hanno insegnato gli Imam dell'Ahlulbayt (a), è possibile entrare in relazione con loro con il cuore, entrare in relazione con loro attraverso lo spirito. I membri dell'Ahlulbayt (a) sono guide viventi. Sono qui in spirito per guidarci ad ogni passo del nostro cammino. Come possiamo dunque connetterci allo spirito dell'hlulbayt (a)? È attraverso la vostra intenzione, è attraverso il 'tawassul': cercando la loro intercessione affinché vi aiutino.

E uno dei motivi per cui vogliamo prendere a modello le donne dell'Ahlulbayt (a) è perché erano forti, erano donne spirituali. Avevano sviluppato la consapevolezza di Allah (SWT). Erano dotate di qualità speciali grazie alla loro elevata posizione spirituale. Erano dotate di sapere, erano donne di conoscenza e rifiutavano di farsi sfruttare. Si rifiutavano di far parte di un sistema in cui le donne venivano usate a vantaggio di altri.

Se pensiamo ai Bani Umayyyah e ai Bani Abbas che avevano preso il potere - gli Omayyyadi e gli Abbassidi - in breve nelle loro corti iniziarono ad essere impiegate donne che danzavano e ragazze che danzavano per intrattenerli. Le donne dell'Ahlulbayt (a) non lo avrebbero mai fatto perché avrebbero detto: "La mia posizione [spirituale] è molto al di sopra di quel ruolo, non sono un animale da circo che si esibisce per il vostro divertimento."

Una donna non è qui per il divertimento di qualcuno. Noi siamo qui per crescere e svilupparci spiritualmente, emotivamente e in termini di conoscenza, per costruire una società forte e sana e per poter avere una buona akhirah [la vita a venire].