Why do you cry for Imam Husayn? - Muharram 1435/2013

By merely mourning and crying for Imam Husayn,'alayhi asalam, would the problem be solved? How should I - what should I really think about and how can I measure my actions on the beginning of Muharram this year all the way until tonight? Not that, God forbid, I am trying to minimise mourning and crying and doing chest beating for Imam Husayn, 'alayhi asalam. Of course not. But what I am trying to say is that the spirit of all these actions is very important, and that is something that, inshaAllah, we want to touch on it.

Otherwise, all of what we do means almost nothing, almost nothing, as much as our spirituality and spiritual growth is concerned. Proving that, is that Imam Husayn,'alayhi asalam, had people crying for him right from the very evening of Ashura, from among his enemies. You know this part of the history of Karbala that, when, on the evening of Ashura, the enemies, they attacked the tents, they were looting and plundering.

One of them is chasing the daughter of Imam Husayn ,'alayhi asalam, Fatima, and he is trying to snatch her jewelries while he is crying. And when he was asked that, what are you crying for? He says, that is because I know what I am doing, I know it is such an atrocity that I am committing that I am snatching the jeweleries of the daughters of the Prophet. They said, well, if you know that this were something wrong, why are you doing it? And he goes, well, if I do not, someone else will.
 

Semplicemente portando il lutto e piangendo per l'Imam Husayn ,alayhi assalam, si risolve il problema? Come dovrei... Cosa dovrei pensare veramente e come posso valutare le mie azioni dall'inizio di Muharram di quest'anno fino a stasera? Non che, Dio non voglia, io stia cercando di minimizzare il lutto, il pianto e il battito del petto per l'imam Husayn, alayhi assalam. Naturalmente no.

Ma quello che sto cercando di dire è che lo spirito con cui compiamo tutte queste azioni è molto importante, e questo è qualcosa che, inshaAllah, cercheremo di toccare con mano.

Altrimenti, tutto ciò che facciamo non significa quasi nulla, quasi nulla per quanto riguarda la nostra spiritualità e la nostra crescita spirituale. La prova ne è che l'Imam Husayn, alayhi assalam, ha fatto piangere la gente per lui fin dalla sera stessa di Ashura, tra i suoi nemici.

Sicuramente conoscete questa parte della storia di Karbala: la sera di Ashura i nemici attaccano le tende, le depredano e saccheggiano. Uno di loro sta inseguendo la figlia dell'imam Husayn, alayhi assalam, Fatima e cerca di strapparle i gioielli mentre piange. E quando gli chiedono perché sta piangendo risponde: "Perché so quello che sto facendo, so che sto commettendo una tale atrocità strappando i gioielli delle figlie del Profeta." Gli dicono: "Beh, se sai che è sbagliato, perché lo fai?" Ed egli rispose: "Se non lo faccio io, lo farà qualcun altro."