Motherhood

Bismillah Al-Rahman Al-Rahim. Al-Hamdulillah Rabb Al-Alameen wa as-salaatu wa as-salaamu 'ala ashraf al-anbiya'i wa al-mursaleen habibi ilahi al-'alameen Abil Qasimil Mustafa Muhammad wa 'ala ahli baytihi at-tayyibeen at-tahireen. Qala Allahu Ta'ala fi kitabihi al-kareem Bismillah Al-Rahman Al-Rahim. Wa wassayna al-insaana bi waalidayhi ihsaanah, hamalatu ummuhu kurhan wa wadhdha'athu kurha wa hamluhu wa fisaluhu thalathuna shahran hattaa idha balagha ashuddahu wa balagha 'arba'eena sana. Qala rabbi awzi'ni an ashkura ni'mataka allati an'amta 'alayya wa 'alaa waliday wa an a'amala salihan tardhah, wa aslihli fi dhurriyyati, inni tubtu ilayka wa inni min al-muslimeen (46:15). Wa salla-Llahu 'ala Muhammad wa 'ala ahli bayti tayyibeen at-tahireen.

Two days ago, we saw that the world celebrated International Women's Day. And it's a very beautiful act to celebrate and show respect to women and society. Because women make up the mothers, the sisters, the wife, the daughter. And also an integral part of society, how society is, society is productive not just because of men, but because of women as well. And it's a very good gesture, a very good act to celebrate and honour women, something that as much as we call for is still not enough.

Amir Al-Mu'minin Ali ibn Abu Talib, in his last moments, in his will, at the last moments of his life, he says 'Useekum bi adh-dha'ifayn.' He says 'I ask you to take care of women, take care of women.' He says, this is what Rasul Allah, sallallahu 'alayhu wa 'alihi asked people to do before he died. He asked people to take care of women in society and not oppress women in society. So this is excellent to have a day to remember and praise and show respect to women.

But we see that, unfortunately, it's become just an act of talk, it's become just talk, we're going to respect women, we're going to honour women. The society gives women equal rights, equal benefits. But we see that there is still disrespect, there's still inequality, economic inequality, social inequality against women, even in the era that we live in and in the country that we live in.

Someone would have thought that maybe this is something that just takes place in uncivilised countries. But you see, even here in the United States, women receive less pay than men for the same job. This is economic injustice, economic oppression. But then you find there is a worse type of oppression and injustice, and that is the social injustice, the way women are regarded, the way women are looked at. Where do you find how are women respected and how are women raised in society and elevated in society, usually because of their looks, because of how much makeup they put on or because of, you know, because of their status, whether they're a celebrity or not.

Just two days ago, there was the life of George Clooney, Amal Clooney. She's a lawyer and a world renowned lawyer. She went to the United Nations and she was speaking against the injustice that ISIS is doing in the Middle East. So she gave a very powerful, very important speech at the United Nations. And then the next day, you see TIME magazine, they're talking about her belly. They're talking about her that her pregnancy is showing. This is the cover of TIME magazine or I don't know if it's the cover or it's you know, the headline is Amal Clooney. Her belly is showing. It shows that she's pregnant.

This is what the society looks at. The looks and what is apparent, disregarding the hard work, the courage, the passion that many women have. And it just focuses on their looks. And here this is why we understand why Islam focuses on hijab and modesty and chastity, not because it seeks to oppress women and keep them hidden. No, if Islam sought to keep women hidden and not reveal themselves and no one hears of them and no one sees of them than the women of Islam, the women of the Ahlul Bayt, you wouldn't have heard anything about them.

But you see that these two months, Jamaadi Al-Awwal and Jamaadi Al-Thani, we are remembering women in Islam. Fatima az-Zahra, alayha assalam. We gathered and we remembered her martyrdom. Next week we remember her birth. And Fatima az-Zahra is no ordinary lady. We spoke last week and the week before about the role of Fatima az-Zahra in striving and seeking to establish justice in society, speaking against injustice, speaking against the tyrants of her time.

This was all done by a lady after the death of Rasul Allah sallallahu 'alayhi wa 'alihi. The role of Sayyida Zaynab, the role of Khadija. And also tonight we gather to commemorate the death of one of the most honourable and revered women in the history of Islam, and that is Umm Al-Banin. Umm Al-Banin, the wife of Amir Al-Mu'minin and the mother of Abbas and the brothers of Abul Fadhlil Abbas alayhimus salaam.

So Islam seeks to empower women, and it does not want society to just focus on the looks because here, this is what we were seeing, even here in the United States, they just focus on the looks. And if you want to see whether a woman is successful, they talk about her on the news and the media. You see that it's just in this in this context, the context of her beauty, her looks, how much makeup she has on, what type of dress she was wearing, and no one sits and talks about their achievements and what they have offered, their scientific achievements, their, you know, social achievements, what they have done.

So you see that there is injustice in parts of the Middle East where they just, you know, tell the woman you have to cover from head to toe and that's it, you have no role. But there's also injustice here. Let us not get ahead of ourselves and think that the West gave so much rights to women. No, we still need to seek and demand more rights of women here and in the Middle East, wherever, in both places. And this is what Islam seeks to achieve.

Now, today, I want to speak about one of the roles that only a female could carry out and no one else could take that task. No one could take that job. And that is the role of motherhood. This is a gift, a blessing that Allah Subhana wa Ta'ala has given only certain individuals in society, and that is the woman. Allah Subhana wa Ta'ala has given them this privilege, the privilege to become a mother, and it's not easy. Allah Subhana wa Ta'ala acknowledges that it's not easy.

The religion of Islam and the narrations that we have acknowledge that it's not an easy task, but it is a very rewarding task. It's so rewarding that Rasul Allah sallallahu alayhi wa alihi says "Paradise is under the feet of the mother." Meaning that if your mother is not satisfied with you, if your mother is not happy with you, then be the person who prays the most, fasts the most the best worshipper. Allah Subhana wa Ta'ala will tell you you have something missing.

You know, when you apply for, when you have an application, a job application or to get into university, there is a checklist of things that you do. Even if one of them is very good but if another is missing, then you still have a missing part in the application. So, satisfying your mothers, satisfying your parents as a whole and specifically your mothers, this is a religious duty that we all have.

Allah says in the Qur'an ' Wa qadha rabbuk anla ta'budu illah iyyah wa bil waalidayni ihsaana' (17:23). Allah has decreed that you do not worship anyone other than Him.' And then immediately Allah doesn't say and that you pray that you fast, that you give charity, that you do this and that. Allah says 'wa bil waalidayn ihsana' and that you show ihsaan towards your parents. Now here some scholars, they have pointed out the use of the word ihsaan.

Allah Subhana wa Ta'ala, in ordering us to deal with members of society we are ordered to deal with them with justice, adala. If someone abuses me, if someone says something to me, I have the right to say the same thing to that person. But with parents, Allah says you have to deal with them with ihsaan, meaning that even if they did something that I don't like. I have to always be the one who does ihsaan. I have to be always the one who goes the extra mile, I have to be the one who shows kindness.

Now, this is as a whole to the parents, and we find there is a specific order with regards to the mothers, specifically to your mothers. A man came to Rasul Allah, he tells him 'Who should I obey?' Rasul Allah tells him 'Your mother' and then he says 'And then who?' He says 'Your mother' and then he tells him 'And then who?' He says 'Your mother'. And then he says 'Your father.'

Rasul Allah sallalahu alayhi wa 'alihi tells the man 'Show respect and honour your mother'. Now, that doesn't mean that you don't show respect to your father, but the mother, there's a special place and a special command where Allah Subhana wa Ta'ala orders Muslims and all to show respect to the mother.

Now, your mother, she's not just your first caretaker, your mother is the first to take care of you. She's your first to love you. She's the first to teach you. She's the first to show compassion towards you. She's the first to love you before even seeing you. She's the first to show compassion and sacrifice for you before even getting to know you. Usually we become friends, we show compassion to people, once we meet them, once we get to know them. But with your mother, she begins to love you and honour you before she even gives birth to you.

And she sacrifices for your sake. Just the era, just the time of pregnancy is just nine months, but that's not it. Allah says in the Qur'an 'Wa hamluhu wa fisaaluhu thalathuna shahra,' (46:15) at least 30 months, two years, so that this little child grows and becomes somewhat independent. You know, studies show that in comparison with other animals, the human being is the longest, takes the longest out of all the mammals to grow and become independent.

You find other animals, you know, as soon as the cat, the mother gives birth, then as soon as the birth takes place then the cub or the, you know, the little animal, they become independent immediately. But with the humans, that's just when everything starts. That's when the sleepless nights starts. That's when the sacrifice starts. That's when so much struggles start. And this is just to have the child grow healthy, nurtured and, you know, be in a healthy shape.

This is not letting alone and putting aside the discipline and the teaching and the admonishments that the mother has towards her children. Your mother goes through pain for your sake before even getting to know you, before even looking at your face. She has sleepless nights because of you. So much pain she goes through just in the process of giving birth, just in the process of pregnancy, and then after that. Of course, the father goes through difficulties, too, but it's nothing compared to what the mother goes through. Nothing compares to what the mother goes through.

One scholar was saying that there comes a time in a person's life where his father carries him and then later on has passed and the mother carries him. But when your father was carrying you, he carried you when you were very light. He didn't even feel you. And when your mother carries you, she carried you when you become heavy and it's difficult, she can't even sleep comfortably because of the way that she's carrying you. And the process of giving birth, it's a difficult process that the pain that a female goes through. No one, no man goes through that pain.

This is why a man came to Rasul Allah, sallallahu alayhi wa 'alihi. Sallu 'ala Muhammad wa aali Muhammad. [Allahumma salli 'ala Muhammad wa 'aali Muhammad]. He told Rasul Allah, I carried my mother on my back. At that time, they didn't have wheelchairs. So he said, I carried my mother on my back and I took her to Hajj. I took her to perform the Hajj. I took her to Mina, to Muzdalifa, to Arafat, to Mecca to perform the tawaaf. The whole time she was on my back, I was carrying her. So after the Hajj, he came to the Prophet and he tells the Prophet 'Oh Rasul Allah, have I paid back my mother? Have I done enough?'

Now, that's a very difficult task. Some people, we can't even carry ourselves in Hajj. It's difficult. So this man, he says'I carried my mother on my back the whole time.' Rasul Allah tells him, 'You did not you, will not be able to pay back your mother, not even for the pain of one contraction that she went through.' Not for the pain of one contraction that she went through. You're never going to be able to pay back your mother. But all that you have to do is serve her, honour her, show love to her if she is alive and even after she passes away this Silat Al-Raham does not end. Many of us, we think that once our parents pass away, then that's it. We don't have to carry on the burden of caring for our parents and showing love to our parents anymore. No.

Imam As-Sadiq alayhi assalam, in a hadith, he says, there are some of us, some people they are 'aq il-waalidayn. They don't have a relationship with their parents. Once their parents die, they become barr il-waalidayn, they build their relationship with their parents. And there are some who are barr il-waalidayn, they have a relationship with their parents during their life. Once their parents die, they become 'Aq. Once our parents die, we still, you go to the grave, you still do good deeds, pay charity, give sadaqa, pray on their behalf. There's so much that a person could do on behalf of their parents. So no one is ever able to pay back their parents and specifically their mother.

Imam Zayn Al-Abideen, alayhi assalam, he has a treatise on rights Risalat al-Huquq, and I recommend every single one of us to take some time to go and read that. It's very easy to read. The Treatise on Rights by Imam Zayn Al-Abideen, Risalat al-Huquq. He has the rights of Allah, the rights of yourself, the right of your body, the right of the land that you walk on, so many rights.

And also he points out the rights of the mother and the rights of the father. He says 'Fahaqq ummak anta'lam annaha hamalatek. You have to know that she carried you.' She's the one who carried you. 'Haythu la yahmil ahadan ahada.' She carried you in a way; she carried you with the difficulties that no one carries anyone. Who is willing to carry another person for nine months? No one does that. Just your mother does that for you.

'Wa 'at'amatk min thamarati qalbiha ma la yut'im ahadan ahada.' And she fed you in a way, not just not just the milk, she fed you from her heart. She fed you everything that she has in a way that no one gives anyone. No one feeds anyone in that way. And then he says she sacrificed, she sacrificed her skin, her body, her hair, all of that she sacrificed for you. And, you know, this is true.

When a lady becomes pregnant, it takes a toll on her body. And for many women, the most beautiful thing, the most, you know, they really revere and respect their body and their looks and this is natural. But because of you, because carrying you, she was willing to sacrifice her own body for your sake. She was willing to sacrifice her skin, her hair, her body, all of that for your sake. So this is the right of the mother. And this is why the Imam says that you will never be able to repay your mother.

She gave you. You know, he says that she she would make sure that you are sleeping comfortable while she's not sleeping comfortable. She would make sure that you are fed well, even if she is not fed well, that you are dressed well, even if she is not dressed well. This is all the sacrifice of the mother for the sake of her children. So this is why we have to show respect to our mothers. We have to show respect to our parents as a whole and specifically to our mothers, because this is the wasiyah 'Wa wassayna al-insaana bi waalidayhi ihsaana'(46:15). Allah Subhana wa Ta'ala says, We have decreed, We have ordered upon upon the insan the human, to show ihsan towards his parents and then Allah says 'Hamalathu ummuhu qurhan wa wadha 'athu qurha'(46:15). Your mother carried you in difficulties and she gave birth to you in difficulties. 'Wa hamluhu wa fisaluhu thalathuna shahra'(46:15). The pregnancy and the suckling, it takes 30 months at least. 'Hatta idha balagha ashudda wa balagha 'arbaeena sana.' Then once he becomes strong, once he becomes powerful, that's the time that you see life and time has taken its toll on your parents.

That's the time that you see that they can't move very easily. That's the time that you see that they can't go from point A to point B very easily. They want to get water. It's difficult for them. They want to go to the doctor. It's difficult for them. 'Hatta idha balagha ashudda wa balagha 'arbaeena sana. Qaala rabbi awzi'ni.' This is the mu'min, the believer. 'Qala rabbi awzi'ni an ashkura ni'mataka allati an'amta 'alayya wa 'alaa waliday wa an a'amala salihan tardhah, wa aslihli fi dhurriyyati, inni tubtu ilayka wa inni min al-muslimeen (46:15).

That's the time that he realises that this is the time that I have to take care of my parents. In another verse, Allah says 'Wakhfidh lahuma janaaha dhulli minal rahmah.' (17:24) bring down the wings of humility for your parents, out of mercy. It's okay to sometimes bring yourself down. You don't have to always raise your head and be very proud. With your parents, it's ok because they have a right over you. They took care of you. If it wasn't for your parents, you wouldn't be here. Show that love, show that respect to your parents and honour them. These are the teachings of Islam.

These are the teachings of Islam. If someone wants to get to know Islam, tell them this is the teachings of Islam. This is what Islam calls for. Many of us, we have a completely different idea of what Islam is, praying, fasting. Yes, we have to do all of that. We have to do all of that. But if I am praying, I'm fasting. I go to Hajj, I do all of my duties and I neglect the closest people to me. Then there is a problem with my prayer. There's a problem with my actions.

You know, one day a man, he came to the Prophet and he told him 'I want to go out and perform jihad.' The Muslims, they were all going out to perform jihad. But then the man he tells Rasul Allah, 'But I have my parents at home and I want to go and perform jihad, but I'm the only caretaker for my parents.' Rasul Allah sallalahu 'alayhi wa 'alihi, he tells him 'Stay and take care of your parents. You don't need to go and perform jihad. Your jihad is taking care of your parents.' And then he says, ' Walladhi nafsi biyadih, I swear by Allah who my soul is in His Hands, walladhi nafsi biyadih la unsuhuma bika yawman wa layla khayrun laka min jihadi sana.' He says 'I swear by Allah, your parents, having uns, your parents being satisfied with you for one day and one night, this is better than jihad in the way of Allah for one full year. One full year, you go out and you perform jihad. If you are able to make your parents happy for one day and one night, this is better and more rewarding for you than jihad for one year, 'la unsuh huma bik.

Sometimes some parents, they don't need much. They just want to see their sons, their daughters sitting with them, spending time with them. Sitting, talking with them, socialising with them, having dinner with them, having lunch with them, they don't require much sometimes. This is what brings happiness to them, seeing that my whole life, I raised this child, I raised my son, my daughter. Now they're sitting with me. This is something that they appreciate.

So this is something that the religion of Islam calls for and one of the most important principles of the religion of Islam. Now, some people, they come and they ask, what if my parents are nonbelievers? What if my parents are non-Muslims? This is something, this was something that used to happen very frequently during the life of the Prophet. Why? Because many were converting to Islam. They would convert to the religion of Islam and their parents were still idol worshippers. Their parents had not converted to the religion of Islam. So they would come to the Prophet, they would come to the Imams, and they would ask them, what about my parents? What am I supposed to do with my parents? The verses, the verses that order, love and compassion, they came down in that context. When your parents are not Muslim, you have to show that much compassion. Now, imagine if your parents are Muslim, how much compassion and love you have to show them.

One of the companions of Imam Al-Sadiq, alayhi assalam, by the name of Zakariah ibn Ibrahim. This man, he was a Christian and he saw Imam Al-Sadiq alayhi assalam, and he converted to the religion of Islam. So he came to Hajj, to perform the Hajj. He saw the Imam in Mina and usually before the place of Hajj was a place where people from all over the Muslim world, they would come and they would see their Imam. And we have a narration that says that the Imam attends the Hajj, meaning that even the Imam of our time, he attends the Hajj, he sees the hujjaj and maybe he sees us. He definitely sees us. Maybe we see him, but we don't know that we have seen him. So the Imam attends the Hajj and even during the times of the Imams, one of the other Imams.

So Imam Al-Sadiq 'alayhi assalam, he's in the Hajj, this man, Zakariah Ibn Ibrahim, he comes to the Imam and he tells him, my mother is Christian. My mother is in Kufa, she's in Iraq and she's a Christian, she's not a Muslim, but I have converted to the religion of Islam. What am I supposed to do with my mother? The Imam tells him 'Now that you have become a Muslim, now you have to show more respect to your mother. Now you have to show more love to your mother. You have to honour your mother, respect her, take care of her, provide for her needs, anything that she needs'.

So this man, Zakariah Ibn Ibrahim, he goes back after the Hajj, he goes back and he sees his mother. He begins to take care of his mother, he begins to wash the feet of his mother. He begins to feed his mother. She became frail. She became sick. He started feeding his own mother, taking care of him. She noticed. She tells him 'Oh my dear son, I see that you treat me different. You used to treat me in one way and now you're treating me much differently.' He tells her 'Yes, this is because I have joined the religion of Islam. And my master, Ja'far Al-Sadiq, he is the one who told me to perform this.' She tells him who is Ja'far Al-Sadiq? Is he a Prophet? He tells her 'No, he's not a Prophet. He's one of the descendants of a Prophet.' She tells him 'This is the akhlaq of Islam? Then I bear witness that there is no God other than Allah. And Muhammad is the Messenger of Allah.' She became a Muslim and then she passed away.

So this man, he goes and he tells the Imam that 'My mother became a Muslim.' The Imam tell him 'See, this is because of the akhlaq, that the religion of Islam preaches, this is what the religion of Islam calls for.' If you want blessings in your life, if you want anything good to happen in your life. There are multiple doors, but one of the most important doors is through the parents, keeping the parents happy, keeping the parents satisfied, and especially the mother, especially the mother.

In a hadith by Rasul Allah sallallahu 'alayhi wa 'alihi. Sallu 'ala Muhammad wa aali Muhammad. [Allahumma salli 'ala Muhammad wa 'aali Muhammad], he says 'Man sarrahu an yumadd fi umrih wa yazdaadu fi rizqih fal yamsi baarran li waaliday wa sulan li rahima.' He who wishes to have a prolonged life, 'Man sarrahu an yumaddu fi umrih wa yaz daadu fi rizqih' and his sustenance to become more. What does this person have to do? 'Fal yamsi baarran li waaliday,' let this person be baarr. Baarr means that this person is connected. This person respects, honours, takes care of his or her parents.

'Wa sulan li rahima.' Also not just the parents, not just the, your family, your brothers, your sisters, your cousins, your grandparents. This is what the religion of Islam called for. You come and you build a relationship with them. Keep that relationship strong. Keep that bond very strong. There are so many blessings that come with this. One day, Prophet Musa alayhi assalam, he asked Allah, 'Ilaahi, who is my neighbour in paradise?' Who is the neighbour of Prophet Musa in Paradise. So Allah Subhana wa Ta'ala tells him 'Your neighbour is fulaan, this person in this village, you could go and find this person.'

So Prophet Musa alayhi assalam, he goes in search of his neighbour in paradise. Who is going to be the neighbour of Prophet Musa, one of the Ulul 'Azam Prophets? A Prophet that saved all of the Israelites, he saved them from Fir'aun. He's the one who helped them. And, you know, Prophet Musa didn't do something very easy. So whoever is in the task of Prophet Musa must be someone at a very esteemed high level.

Prophet Musa, he goes, he asks where is this person? He finds where this person is, he sees that his neighbour in paradise is a butcher, someone who is a butcher. So he's surprised, then he goes, he wants to see what does this person do that's so special in his life. Is he praying his whole life? Does he give charity? What is this person doing that's so unique and special? He looks at this person, he sees that this person hasn't done something, you know, very unique, very different from what other people in society are doing.

Then he tells this person, he doesn't tell him he's Musa. He doesn't tell him he's a Prophet of Allah. He acts as a stranger, he tells him 'I want to stay the night with you. I came from a different village, from a different town, I want to spend the night with you.' That man tells him 'Yes, ahlan wa sahlan, come and stay with me.' Prophet Musa wants to stay that night just so he could see what does this person do that is so unique, that is so strange, that makes him become the neighbour of prophet Musa.

He sees that this person who goes and he sleeps, nothing unique so far. He was expecting that this person gets up and prays the midnight prayers, salaah. Then in the morning, he sees that this man, this butcher, before leaving his home, he goes into a room in the house. He spends a short while in the house and then he comes back. So Prophet Musa tells him 'What did you do? Who's in that room?

He tells him 'My mother is in the room. And my mother is sick. My mother is paralyzed, so I have to wash her, I have to change her clothes. I have to feed her, I have to take care of her. And I have to feed her, I have to chew the food and then place it in her mouth. So that she could eat because she doesn't have teeth.' So Prophet Musa tells him 'What does your mother say to you?'

He says 'With every bite that I place in her mouth, she tells me 'Oh Allah make him the neighbour of Musa.' With every bite I place in my mother's mouth, she does a du'a. She says 'Oh Allah, make this person be the neighbour of Prophet Musa.' Prophet Musa tells him 'I am Musa and I have come to give you the good news that you will be my neighbour in paradise.' Just because his mother does du'a for him.

This is the blessings, the du'a of the mother, what the du'a of the mother could do, it goes very far. And of course, it could also be a source of misery in a person's life. How? If their mother is not satisfied with them. If a person, if a person's mother is not satisfied with that person, that could be a source of misery and doom for that person's life.

There was a man during the time of the of the Prophet, Rasul Allah sallallahu 'alayhi wa 'alihi. This man, they came and they told the Prophet 'This young man is dying.' He's in sakarat il-mawt, those last moments before death, but he's suffering, he's not able to die.' You know, some people, they have a very long journey where it's very difficult and others, they die immediately. So they told the Prophet 'Oh Rasul Allah, come to this person and see what you can do to help this person, to relieve this person's suffering.'

Rasul Allah, he came, he asked about this person. Did he pray? Did he fast? Did he fulfil his obligations? They tell him 'Yes, he was always in the Masjid. He prayed. He did everything'. Then the Prophet 'What's missing from this person's life? If he did everything, then why is this person still suffering in this way during his last moments? So Rasul Allah said 'Does this person have a mother? Where is his mother?'

So his mother, she came. Rasul Allah tells her 'Are you pleased with your son? Are you satisfied with your son here?' The mother with all honesty, she said, 'No Oh Rasul Allah, he hurt me. I took care of him. I sacrificed so much for him. I did all that I could do for him just so I could see him grow up, become healthy, become successful. But then he turned against me. He would abuse me. He would hurt me. He would constantly neglect me and abuse me. And to be honest, I'm not happy with him. Rasul Allah says 'This is it. The reason why this person is suffering is because you are not satisfied with him. So if you are pleased with him, his suffering will end.' The Prophet says, the mother, she says 'I can't Oh Rasul Allah, it's too difficult, it's too difficult.'

So Rasul Allah, he orders the muslims to bring fire, to bring fire and gather wood. And then he tells them to light the fire. They light the fire in front of the mother and then Rasul Allah, he tells the, take him and throw him in the fire. Right away, the mother she says, 'Oh Rasul Allah! You want you want to burn my son?' The Prophet tells her 'Because you are not satisfied with him, he is going to burn in a fire that is much more severe than this fire that you see in your eyes, that you see in front of you.'

Then the mother, she says, 'I am pleased with him Oh Rasul Allah.' And this is the heart of the mother. She says, 'Oh Rasul Allah, I'm pleased with him. Please, I don't want to see him suffering. Then Rasul Allah sallallahu 'alahi wa 'alihi, he taught him a du'a, he taught him a du'a. And that man, he tells Rasul Allah to repeat that du'a after Rasul Allah sallallahu 'alahi wa 'alihi .

And the du'a says 'Ya man yaqbal ul-yaseer wa ya'fu an il-katheer iqbal minni il-yaseer wa'fu unni il-katheer.' Oh he 'Ya mayyaq balul yaseer.' Allah, He accepts the very little that we do. 'Ya man yaqbal ul-yaseer wa ya'fu an il-katheer,' and He forgives the many sins that we have. 'Iqbal minn il-yaseer,' accept the little that I have done and disregard the many evil and sins that I have committed in our lives, in my life.

So here from the story, we learned that huquq al-waalidayn, it stops a person from performing the Shahada at the end of their life. You won't be able to say the Shahada when you are dying. Once Rasul Allah taught the man to say this, that man began to speak. He says 'I feel that something very dark and ugly was lifted away from me. It was choking me. It was lifted. And now I see a very bright luminant spirit or a light coming to me'. And then he said the Shahada and then the man passed away. But because his mother was not satisfied with him, he was not able to perform the Shahada. So we have many stories.

There are many stories in the Qur'an, from the Ahlul Bayt, from the Prophet about showing respect and honouring the parents and especially the mother. Because the mother, she's not just the caretaker. She's not just someone who raised you. She's your first teacher. She's the first to love you. She's the first to respect you. She's the first to see the beauty in you.

You know, when a baby is first born, usually babies, they're not very good looking as soon as they're born. But the only one that sees the beauty is the mother. The only one that looks at that child and does not see anything wrong with that child is the mother. So, this is the task of the mother, and this is why it's a very respectable, very honoured position in the religion of Islam. Although today we see in our societies, motherhood is placed aside. Go, women are taught, go and become successful, become this and that. Go and pursue all of your dreams and then keep motherhood for later on once you're older.

No. Motherhood, it's a it's a very sacred task that Allah Subhana wa Ta'ala has given only to a certain group, certain group of the creation, and that is the females. And motherhood is not an easy task. Fatima az-Zahra alayha assalaam, wasn't she a mother? Khadija, wasn't she a mother? Sayyida Zainab, wasn't she a mother? Many respectable women in society that are honoured and respected and praised, being a mother did not stop them. It did not stop them from reaching their highest potential.

In fact, sometimes by becoming a parent, by getting married, you are going to be able to reach your potential in life much faster and much quicker because you're going to be more determined. You're going to set a goal in life and you're going to work harder for that goal. Many people who don't have a goal in life, you see that they're pursuing something. But then it's very difficult to reach it. But then when you are on the path of marriage, the path of motherhood, the path of parenting, you're going to dedicate your time and any time that you have for your to reach your goal and to reach your ambitions and potential in life.

So it does not stop you from becoming who you want to be. And in fact, sometimes it could help you become a better person. It could help you see what your goal in life is. Sometimes our goals in life, we don't know exactly what we want. We are pursuing something. Then later on, once we're older, we realise we were after the wrong thing. When you have a family, your goal in life, you're going to be able to see your goals in life much easier. You're going to see what this life is, what the beauty of this life is.

And the task of motherhood, that is one of the sacred tasks, sacred positions, that Allah Subhana wa Ta'ala has given only to the woman. And motherhood and parenting for some, parenting for them, it's just, you know, give your kids clothes, feed them, give them food and that's it. That's parenting. That's not just parenting. Parenting is much more than that.

Parenting is a sacred task that Allah Subhana wa Ta'ala has given certain people that he chose. And with motherhood comes also responsibilities. With parenting comes responsibilities. Some parents we just seek to empower and make sure that our kids, our children are healthy in this life. And we neglect the afterlife. But a real parent, a parent who who sees the future of their children, they don't just care for their children's future in this life, they care for their children's future in this life and the afterlife, because that is the real life.

And Allah says in the Qur'an 'Ya ayyu alladhina aamanu qu unfusakum wa ahleekum naaran waquduhan naasu wa al-hijaara.' (66:6) Protect yourselves and protect your family for the afterlife. Now someone suffers a few days in this life difficulties in this life, that's it. This life ends for all of us, every single one of us. We're going to have to leave. But the afterlife, that is the essence, that is what we should care for, that is what we should strive for, for ourselves and for our children.

And this is why we remember Umm Al-Banin. Umm Al-Banin, the wife of Amir Al-Mu'minin. What made her so special? Amir Al-Mu'minin, he had other wives as well. There were many women. Umm Al-Banin, she's not from Bani Hashim. She's from a different tribe of the Arabs, Bani Kilaab. Now, what made Umm Al-Banin so special? Today you go to Baqi', if you in Madina and you stand in Baqi', you see that there are so many companions, many of the wives of the Prophet. No one. There's no, there's not many people standing over their graves.

But you always find a crowd over the grave of Umm Al-Banin. Until today Umm Al-Banin, she's in the hearts of the lovers of the Ahlul Bayt, why? Because she showed love to the Ahlul Bayt and she taught her children, she raised and nurtured her children with the love of the Ahlul Bayt alayhimu assalaam. And because of that task, Allah Subhana wa Ta'ala has placed her love in the hearts of the mu'mineen. All of the mu'minin, they find an attachment to Umm Al-Banin.

Why? She was the wife of Amir Al-Mu'minin, but she had her sons. The joy for her eyes, the beauty in her life, she had four sons, but she sacrificed all of them in the way of the Sons of Fatima, in the way of the Ahlul Bayt alayhimu assalaam. Her whole life was a life of sacrifice for the sake of the Ahlul Bayt. Even when Amir Al-Mu'minin married her, when he first married her, he saw that she was very beautiful.

He asks her. Her name was Fatima Bint Huzaam Al Kilaabiyyah. He tells her 'Oh Fatima, what do you require of me? What can I give you? It's your wedding night. What can I give you?' She tells him 'Don't call me Fatima anymore, because every time you call me Fatima, this breaks the heart of Hasan and Husayn and Zainab and Umm Kulthum. So Amir Al-Mu'minin, he named her Umm Al-Banin, the mother of the sons.

And she gave sons. She had four sons. And she raised them. She raised them her whole life, she raised them to sacrifice and show love to the sons of Fatima, to the sons of Rasul Allah sallallahu 'alayhi wa 'alihi. This is why on the day of Ashura, the sons of Umm Al-Banin, Abul Fadhl Abbas and the brothers of Al-Abbas, right away without any hesitation, they went to sacrifice their lives for the sake of their brother Imam Al-Husayn.

Even Shimr ibn dhil-Jawshan, he came with a letter the night of Ashura. He came with a letter from Ubaidullah ibn Ziyad. And this letter, it was not meant so that the battle could be defeated much quicker. This was meant to break the hearts of Imam Al-Husayn, to break the back of Imam Al-Husayn. In the letter, he tells him, Shimr, he calls Al-Abbas and the brothers of Abul Fadhl Abbas and he tells them 'I have given you amaan, I have given you safety.'

Right away, they ripped, the letter right in front of him. They tell him 'Wayhak! Tu'tina al-amaan wa ibn ar-Rasull Allah la amaana lah? You give us safety and sanctuary and the son of Rasul Allah, the family of Rasul Allah, you don't give them sanctuary?' And they rip the letter and they all were killed in the way of Imam Al Husayn. But Umm Al-Banin alayha assalam, she stayed in Madina waiting for the news to come to her, waiting for the news to come to her.

Once the news came to her she cried. She shed so much tears for Imam Al-Husayn before crying for her own children, before crying for her own sons. They say that she used to go to the Baqi', to the cemetery of Baqi', and she would make four graves, four mock graves. And then she would start and she would cry. She would. And then she would have a fourth grave, a fifth grave next to it, next to them. And then she would destroy those four graves and then she would sit and cry over that fifth grave symbolizing the grave of Imam Al-Husayn alayhi assalam.

She would sit in the Baqi' and cry that even Marwan, Marwan ibn Hakam, he was the governor of Madina, he would sit and he would pass by her and he would cry when he sees Umm Al-Banin crying for her sons and crying for Imam Al-Husayn. She would sit and call out ' La taduwanni wayki Umm Al-Banin! Tudhakirini bil yuthil areen. Don't call me on Umm Al-Banin anymore because when you call me Umm Al-Banin, you remind me of my sons.'

'La tad uwanni wayki Umm Al-Banin! Tudhakirini bil yuthil areen, kaanat banun ulli li ya'ud'aa bil wa aliyawm asbahtu walaa min banin layta sha'ri akama akhbaru bi anna Abbasal qatee'a al-yameen. She would cry when she remembers her sons and the sons of Rasul Allah.

'Ana laagha ya fa 'ala dharbi dhaun wa saahihil yarhuni wa yajun qil man ila ghaya bi yalfun wa ana gha'ibi billah admadfun. La hawla wala quwata illa bi-Llah al-aliyyi al-adheem. Inna li-Llahi wa inna ilayhi raji'un.'

Let us raise our hands in du'a. There are many who are sick, they called out the name of the brother who was sick and in need of our du'a and there are many who have asked us for du'a and especially by the name of Umm Al-Banin. You do a nidhr, a vow, you ask Allah by the love and the position of Umm Al-Banin. Allah Subhana wa Ta'ala will answer your du'a.

Na as'aluka Allahumma wa nad'uk bismiKa al-adheem al-a'dham. 'Ala azzal ajal al-ikrami Ya Allah. Ya Allahu Ya Rahmanu Ya Raheem Ya muqallib al-qulub, thabbit qulubana 'alaa deenik. Allahumma ghfirli al-mu'minina wa al-mu'minaat al-ahyaai minhum wa al-amwaat taabi'i allahumma baynana wa baynahum bil khayraat. Innaka mujeebu da'awaat. Innaka ghaafir ul-khati'aat. Innaka 'alaa kulli shay'in qadeer.'

Let us also recite this verse three times for the shifaa of the sick. Bismillah Al-Rahman Al-Rahim "Amman yujeebu 'lmudtarra idaa da'aahu wa yakshifu 's-sooo'" (27:62), "Amman yujeebu 'lmudtarra idaa da'aahu wa yakshifu 's-sooo'", "Amman yujeebu 'lmudtarra idaa da'aahu wa yakshifu 's-sooo'".

Wa al-hamdulillah Rabb Al-Alameen wa sallallahu 'ala Muhammad wa 'ala alihi at-tahireen.
 

 Bismillahi Al-Rahman Al-Rahim.

Al-Hamdulillah Rabb Al-Alamin wa as-salaatu wa as-salaamu 'ala ashraf al-anbiya'i wa al-mursalin habibi ilahi al-'alamin Abil Qasimil Mustafa Muhammad wa 'ala ahli baytihi at-tayyibin at-tahirin.

Qala Allahu Ta'ala fi kitabihi al-karim. Bismillahi Al-Rahman Al-Rahim. "Wa wassayna al-insaana bi waalidayhi ihsaanah, hamalatu ummuhu kurhan wa wadhdha'athu kurha wa hamluhu wa fisaluhu thalathuna shahran hattaa idha balagha ashuddahu wa balagha 'arba'eena sana. Qala rabbi awzi'ni an ashkura ni'mataka allati an'amta 'alayya wa 'alaa waliday wa an a'amala salihan tardhah, wa aslihli fi dhurriyyati, inni tubtu ilayka wa inni min al-muslimin " (46:15 ) ["abbiamo ordinato all’uomo la bontà verso i genitori: sua madre lo ha portato con fatica e con fatica lo ha partorito. Gravidanza e svezzamento durano trenta mesi. Quando raggiunge la maturità ed è giunto ai quarant’anni dice: «Signore, dammi modo di renderti grazia del favore di cui hai colmato me e i miei genitori, affinché compia il bene di cui Ti compiaci e concedimi una discendenza onesta. Io mi volgo pentito a Te e sono uno dei sottomessi».]

Wa salla-Llahu 'ala Muhammad wa 'ala ahli bayti tayyibin at-tahirin.

Due giorni fa abbiamo visto che il mondo ha celebrato la Giornata Internazionale della Donna. Ed è un atto molto bello questo di celebrare e mostrare rispetto alle donne nella società. Perché le donne rappresentno le madri, le sorelle, le mogli, le figlie e anche una parte integrante della società, perché la società è produttiva non solo grazie agli uomini, ma anche grazie alle donne. Ed è un gesto molto buono, un atto molto buono questo di celebrare e onorare le donne. E, per quanto si prema per questo, non è ancora abbastanza.

Amir Al-Mu'minin [il Comandante dei credenti] 'Ali ibn Abu Talib, nei suoi ultimi istanti, nel suo testamento, negli ultimi momenti della sua vita, disse: 'Usikum bi adh-dha'ifayn'. Disse 'Vi chiedo di prendervi cura delle donne, prendetevi cura delle donne'. E' quello che anche Rasul Allah - sallallahu 'alayhu wa 'alihi - ha chiesto prima di morire: ha chiesto alle persone di prendersi cura delle donne nella società e di non opprimerle. Quindi è un'ottima cosa avere un giorno per ricordare, lapprezzare e mostrare rispetto per le donne.

Ma vediamo che purtroppo è diventato soltanto un discorso, si è ridotto soltanto a parole: "Rispetteremo le donne, onoreremo le donne. La società dà alle donne uguali diritti, condizioni uguali..." Ma vediamo che c'è ancora mancanza di rispetto, c'è ancora disuguaglianza: disuguaglianza economica, diseguglianza sociale nei confronti delle donne. Anche nell'epoca in cui viviamo e nel paese in cui viviamo.

Qualcuno potrebbe pensare che si tratti di qualcosa che avviene solo in paesi arretrati, ma vedete: anche qui negli Stati Uniti le donne sono pagate meno degli uomini per lo stesso lavoro. Questa è ingiustizia economica, oppressione economica. Ma poi trovate un tipo peggiore di oppressione e di ingiustizia, ed è l'ingiustizia sociale, il modo in cui le donne sono considerate, il modo in cui le donne sono guardate. Com'è che le donne sono rispettate e hanno ottenuto una posizione in questa società? Di solito grazie al loro aspetto fisico, a seconda di quanto trucco si mettono o perché, sapete, grazie al loro status, se sono popolari o no.

Solo due giorni fa la moglie di George Clooney, Amal Clooney - è un avvocato e un avvocato di fama mondiale - è andata alle Nazioni Unite e ha parlato contro l'ingiustizia pepetrata dall'ISIS in Medio Oriente. Ha tenuto un discorso molto potente, molto importante alle Nazioni Unite. E poi il giorno dopo vedete che sulla rivista TIME parlano della sua pancia!. Parlano della sua gravidanza! Questa è la copertina della rivista TIME, o non so se è la copertina, ma il titolo è: "Amal Clooney: si vede la pancia. E' incinta." Ciò cui si guarda nella società è questo: l'aspetto fisico, l'apparenza. Trascurando il duro lavoro, il coraggio, la passione che molte donne hanno. E ci si concentra soltanto sul loro aspetto fisico.

E qui si comprende perché l'Islam insiste sull''hijab', la modestia, la castità: non perché cerca di opprimere le donne e tenerle nascoste! No, se l'Islam volesse che le donne rimanessero nascoste, senza mostrarsi a nessuno e che nessuno sentisse parlare di loro e nessuno le vedesse, allora non avreste sentito mai parlare delle donne dell'Islam, delle donne dell'Ahlul Bayt. Ma vedete che in questi due mesi, Jamaadi Al-Awwal e Jamaadi Al-Thani, noi stiamo ricordando proprio le donne dell'Islam: Fatima Zahra - alayha assalam - ci siamo riuniti e abbiamo ricordato il suo martirio. La prossima settimana ricordiamo la sua nascita. E Fatima Zahra non è una donna qualunque. Abbiamo parlato la settimana scorsa e la settimana prima del ruolo avuto da Fatima Zahra nella lotta per cercare di affermare la giustizia nella società parlando contro l'ingiustizia, parlando contro i tiranni del suo tempo. Tutto questo è stato fatto da una donna, dopo la morte di Rasul Allah - sallallahu 'alayhi wa 'alihi. Il ruolo di Sayyida Zaynab, il ruolo di Khadija. E anche stasera ci riuniamo per commemorare la morte di una delle donne più onorevoli e riverite nella storia dell'Islam, e questa è Umm Al-Banin. Umm Al-Banin, la moglie di Amir Al-Mu'minin e la madre di Abbas e dei fratelli di Abul Fadhlil Abbas, alayhimus salaam.

Quindi l'Islam cerca di dare potere alle donne e non vuole che la società si concentri soltanto sul loro aspetto fisico. Perché questo è quello che vediamo qui, anche negli Stati Uniti ci si concentra soltanto sull'aspetto fisico. E se una donna ha successo, ne parlano al telegiornale e nei media, vedete che è solo in questo contesto: la sua bellezza, il suo aspetto fisico, quanto trucco ha, che tipo di vestito indossa... e nessuno si mette a parlre dei loro successi e di ciò che hanno fatto, dei loro risultati scientifici, delle loro conquiste sociali, di ciò che hanno ottenuto.

Così vedete che c'è ingiustizia in alcune parti del Medio Oriente in cui semplicemente, sapete, dicono alla donna: "Devi coprirti dalla testa ai piedi e basta. Non hai alcun ruolo", ma c'è ingiustizia anche qui. Non dobbiamo pensare che l'Occidente abbia dato così tanti diritti alle donne. No, dobbiamo ancora impegnarci a chiedere più diritti per le donne, qui e in Medio Oriente. Ovunque, in entrambi i luoghi. E questo è ciò che l'Islam cerca di ottenere.

Oggi voglio parlare di uno dei ruoli che solo una donna può svolgere, e nessun altro può svolgere quel compito. E' qualcosa che nessun altro può fare. Ed è la maternità. Questo è un dono, una benedizione che Allah Subhana wa Ta'ala ha dato solo ad alcune persone nella società, ovvero alle donne. Allah Subhana wa Ta'ala ha dato loro questo privilegio, il privilegio di diventare madre.

E non è facile. Allah Subhana wa Ta'ala riconosce che non è facile. La religione dell'Islam e le narrazioni che abbiamo riconoscono che non è un compito facile, ma è un compito che comporta una grande ricompensa. Una ricompensa così grande che Rasul Allah - sallallahu alayhi wa alihi- dice "Il paradiso è sotto i piedi della madre". Significa che se tua madre non è soddisfatta di te, se tua madre non è contenta di te, allora puoi essere la persona che prega di più, che digiuna di più, che adora Dio nel migliore dei modi, ma Allah Subhana wa Ta'ala ti dirà che ti manca qualcosa.

Sapete, quando fate domanda per qualcosa, quando proponete la vostra candidatura, per un posto di lavoro o per entrare all'università, c'è una lista di requistiti, di cose da fare. Se anche una di queste è molto buona, ma ne manca un'altra, allora manca una parte nella domanda. Così... Soddisfare le vostre madri, soddisfare i vostri genitori in generale e in particolare le vostre madri, questo è un dovere religioso che abbiamo tutti.

Allah dice nel Corano 'Wa qadha rabbuk anla ta'budu illah iyyah wa bil waalidayni ihsaana' (17:23). "Allah comanda che non adoriate nessuno all'infuori di Lui" e poi, immediatamente dopo, Allah non dice "e che preghiate, che digiunate, che facciate la carità, che facciate questo e quello..." Allah dice: 'wa bil waalidayn ihsana' "e che mostriate 'ihsaan' [bontà] verso i vostri genitori".

Ora qui alcuni studiosi hanno sottolineato l'uso della parola 'ihsaan'. Allah Subhana wa Ta'ala, nell'ordinarci come trattare i membri della società ci ordina di trattarli con giustizia, 'adala'. Se qualcuno mi maltratta, se qualcuno mi offende, ho il diritto di rispondergli nello stesso modo. Ma dei genitori Allah dice che bisogna trattarli con 'ihsaan'. Cioè anche se hanno fatto qualcosa che non mi piace, devo essere sempre io quello che fa' ihsaan': devo essere sempre quello che fa un passo in più, devo essere quello che mostra gentilezza.

Ora, questo riguarda i genitori in generale, e vediamo che c'è un ordine specifico per quanto riguarda le madri, in particolare le nostre madri. Un uomo andò da Rasul Allah e gli chiese: "A chi devo obbedire?" Rasul Allah gli disse: "Tua madre", chiese: "E poi a chi?" rispose: "Tua madre", chiese: "E poi a chi?" rispose: "Tua madre" e poi: "Tuo padre". Rasul Allah - sallalahu alayhi wa 'alihi - dice a quest'uomo: "Mostra rispetto e onora tua madre". Ora, questo non significa che non devi mostrare rispetto a tuo padre, ma la madre ha un posto speciale e c'è un comando speciale con cui Allah Subhana wa Ta'ala ordina ai musulmani e a tutti di mostrare rispetto alla madre.

Ora, tua madre non è soltanto la prima persona a prendersi cura di te. È la prima ad amarti. È la prima ad insegnarti. È la prima a mostrare compassione nei tuoi confronti. È la prima ad amarti prima ancora di vederti. È la prima a mostrare compassione e a sacrificarsi per te prima ancora di conoscerti. Di solito diventiamo amici, mostriamo compassione alle persone una volta che le incontriamo, una volta che le conosciamo. Ma tua madre comincia ad amarti e ad onorarti prima ancora di darti alla luce. E si sacrifica per il tuo bene.

Il periodo della gravidanza dura soltanto nove mesi, ma non è tutto. Allah dice nel Qur'an: 'Wa hamluhu wa fisaaluhu thalathuna shahra,' (46:15) ci vogliono almeno trenta mesi, due anni, prima che questo piccolo bambino cresca e diventi in qualche modo indipendente. Sapete, gli studi mostrano che in confronto ad altri animali, l'essere umano è quello che, fra tutti i mammiferi, impiega più tempo per crescere e diventare indipendente. Se guardate gli altri animali, sapete... La gatta partorisce e supito dopo la nascita il cucciolo, l'animaletto diventa immediatamente indipendente. Ma per gli esseri umani è proprio allora che inizia tutto. È allora che iniziano le notti insonni. È quando iniziano i sacrifici. È quando iniziano tante difficoltà. E questo soltanto per far crescere il bambino sano, per nutrirlo e, sapete, mantenerlo in salute.

Questo non significa mettere da parte e non considerare l'educazione che una madre dà ai suoi figli, i suoi insegnamenti e i suoi ammonimenti. Ma tua madre soffre per il tuo bene prima ancora di conoscerti, prima ancora di averti guardato in faccia. Passa notti insonni a causa tua. Affronta così tanto dolore già soltanto al momento del parto, già durante la gravidanza, e poi dopo... Certo, anche il padre affronta dei momenti difficili, ma non è niente in confronto a quello che vive la madre. Niente è paragonabile a quello che affronta la madre.

Diceva uno studioso: "Nella vita di ogni persona c'è un momento in cui è il padre che lo porta, poi questo momento passa ed è sua madre a portarlo. Ma quando tuo padre ti portava eri molto leggero, non ti sentiva nemmeno. E quando tua madre ti porta sei diventato pesante ed è difficile, non può nemmeno dormire comodamente a causa del modo in cui ti porta." E il processo del dare alla luce. E' un processo difficile: nessun uomo affronta quel dolore, il dolore che affronta una donna.

Ecco perché un uomo venne da Rasul Allah, Sallu 'ala Muhammad wa 'aali Muhammad. [Allahumma salli 'ala Muhammad wa 'aali Muhammad] e disse: "Oh Rasul Allah, ho portato mia madre sulla schiena." A quel tempo non avevano sedie a rotelle. Così disse: "Ho preso mia madre sulla schiena e l'ho portata in Hajj. L'ho portata a fare l'Hajj [pellegrinaggio]. L'ho portata a Mina, a Muzdalifa, ad Arafat, alla Mecca per fare il 'tawaaf' [circumambulazione intorno alla sacra Kabah]. Per tutto il tempo è stata sulla mia schiena, l'ho portata in spalla." Così dopo l'Hajj andò dal Profeta e chiese al Profeta: 'Oh Rasul Allah, ho ripagato mia madre? Ho fatto abbastanza?"

Ora, questo è un compito molto difficile! Alcune persone non riescono nemmeno a portare se stesse in Hajj. È difficile. E quest'uomo dice: "Ho portato mia madre sulla schiena per tutto il tempo!" Rasul Allah gli risponde: "Non sarai mai in grado di ripagare tua madre nemmeno per il dolore di una sola delle contrazioni che ha affrontato." Neanche per il dolore di una sola contrazione!

Non potrai mai ripagare tua madre. Ma tutto quello che devi fare è servirla, onorarla, mostrarle amore se è viva e anche dopo la sua morte. Questa salat Raham non finisce. Molti di noi pensano che una volta che i nostri genitori sono morti non c'è più niente da fare, ci siamo liberati dal peso di occuparci dei nostri genitori, non dobbiamo più mostrare amore per i nostri genitori. No. L'Imam As-Sadiq, alayhi assalam, in un hadith, dice: "Alcuni di noi, alcune persone sono 'aq al-waalidayn': non hanno alcun rapporto con i loro genitori. Una volta che i loro genitori muoiono diventano 'barr al-waalidayn, costruiscono una relazione con i loro genitori. E ci sono alcuni che sono 'barr al-waalidayn', hanno una relazione con i loro genitori, durante la loro vita, ma una volta che i loro genitori muoiono, diventano 'Aq'." Una volta che i nostri genitori sono morti, noi abbiamo ancora il dovere di visitare la loro tomba, di compiere buone azioni, fare la carità, dare la 'sadaqa' [elemosina non obbligatoria] a loro nome e di pregare per loro. C'è così tanto che una persona può fare per conto dei propri genitori.

Dunque nessuno è mai in grado di ripagare i propri genitori e in particolare la propria madre.

L'Imam Zayn Al-Abidin, alayhi assalam, ha scritto un trattato sui diritti: "Risalat al-Huquq", e raccomando ad ognuno di noi di trovare il tempo di andarlo a leggere. È molto facile da leggere. Il trattato sui diritti di Imam Zayn Al-Abidin, "Risalat al-Huquq". Parla dei diritti verso Allah, dei diritti verso te stesso, dei diritti verso il tuo corpo, del diritto della terra su cui cammini... Così tanti diritti... E indica anche i diritti verso la madre e i diritti verso il padre. Dice: "Fahaqq ummak anta'lam annaha hamalatek." Devi sapere che lei ti ha portato in grembo". Lei è quella che ti ha portato. "Haythu la yahmil ahadan ahada." Lei ti ha portato in un modo... ti ha portato affrontando difficoltà che nessun altro affronta per portare nessun altro. Chi è disposto a portare un'altra persona per nove mesi? Nessuno lo fa. Soltanto tua madre lo fa per te. "Wa 'at'amatk min thamarati qalbiha ma la yut'im ahadan ahada." E ti ha nutrito in un modo... Non soltanto con il suo latte, ti ha nutrito con il suo cuore. Ti ha nutrito con tutto quello che aveva in un modo in cui nessun altro dà a nessun altro. Nessuno nutre nessuno in quel modo. E poi dice che si è sacrificata: ha sacrificato la sua pelle, il suo corpo, i suoi capelli, ha sacrificato tutto per te.

E, sapete? È vero. Quando una donna rimane incinta, il suo corpo ne risente. E per molte donne la cosa più bella, sapete, quella cui tengono di più e che curano di più è il loro corpo, il loro aspetto. Ed è naturale. Ma a causa tua, per portarti in grembo, è disposta a sacrificare il suo corpo, per il tuo bene. E' disposta a sacrificare la sua pelle, i suoi capelli, il suo corpo, tutto questo per il tuo bene.

Quindi, questo per quanto riguarda il diritto della madre. Ed è per questo che l'Imam dice che non sarai mai in grado di ripagare tua madre.

Ti ha dato... Sapete, [l'Imam] dice che ella si assicura che tu dorma bene mentre lei non dorme bene. Si assicura che tu sia nutrito bene anche se lei non è nutrita bene. Che tu sia vestito bene anche se lei non è vestita bene. La madre sacrifica tutto questo per il bene dei suoi figli.

Ecco perché dobbiamo mostrare rispetto alle nostre madri. Dobbiamo mostrare rispetto ai nostri genitori nel loro insieme e in particolare alle nostre madri, perché questa è la 'wasiyah' [ordine di Dio]: 'Wa wassayna al-insaana bi waalidayhi ihsaana'(46:15). Allah Subhana wa Ta'ala dice: "Abbiamo stabilito, abbiamo ordinato all''insan'- l'essere umano - di mostrare 'ihsan' [bontà] verso i suoi genitori" e poi Allah dice: "Hamalathu ummuhu qurhan wa wadha 'athu qurha" (46:15): "Tua madre ti ha portato con pena e ti ha partorito con pena." "Wa hamluhu wa fisaluhu thalathuna shahra" (46:15). "La gravidanza e l'allattamento richiedono almeno trenta mesi." "Hatta idha balagha ashudda wa balagha 'arbaina sana". "Poi, una volta che è cresciuto, una volta che è divento forte, è allora che l'essere umano si rende conto del segno che la vita e il tempo hanno lasciato sui suoi genitori."

E' allora che ci rendiamo conto che non possono muoversi facilmente. È allora che ci rendiamo conto che non possono andare dal punto A al punto B facilmente. Vogliono prendere dell'acqua, ma è diventato difficile per loro. Vogliono andare dal medico, è diventato è difficile per loro. "Hatta idha balagha ashudda wa balagha 'arbaina sana. Qaala rabbi awzi'ni". Questo è il mu'min, il credente dice: "Qala rabbi awzi'ni an ashkura ni'mataka allati an'amta 'alayya wa 'alaa waliday wa an a'amala salihan tardhah, wa aslihli fi dhurriyyati, inni tubtu ilayka wa inni min al-muslimin" (46:15). E' allora che se ne rende conto: "Questo è il momento in cui devo prendermi cura dei miei genitori."

In un altro versetto Allah dice: "Wakhfidh lahuma janaaha dhulli minal rahmah" (17:24): "Abbassa la cresta con umiltà di fronte ai tuoi genitori". Per misericordia a volte va bene abbassare se stessi, non devi sempre alzare la testa ed essere orgoglioso, con i tuoi genitori va bene, perché hai dei doveri nei loro confronti. Si sono presi cura di te. Se non fosse stato per i tuoi genitori, ci non saresti nemmeno. Mostra amore, mostra rispetto ai tuoi genitori e onorali. Questi sono gli insegnamenti dell'Islam.

Sono questi gli insegnamenti dell'Islam. Se qualcuno vuole conoscere l'Islam, digli che questi sono gli insegnamenti dell'Islam. Questo è ciò che l'Islam richiede. Molti di noi hanno un'idea completamente diversa di cos'è l'Islam: pregare, digiunare... Sì, dobbiamo fare tutto questo. Dobbiamo fare tutto questo. Ma se prego, digiuno, vado in 'hajj', assolvo a tutti i miei doveri religiosi ma trascuro le persone più vicine a me, allora la mia preghiera ha qualche problema, nelle mie azioni c'è qualcosa che non va.

Sapete, un giorno un uomo andò dal Profeta e gli disse: "Voglio andare a compiere la 'jihad' [sforzo sulla via di Dio, inclusa la guerra contro i miscredenti]". I musulmani andavano tutti a compiere la 'jihad' [contro il politeisti della Mecca]. Ma poi l'uomo disse a Rasul Allah: "Però ho i miei genitori a casa. E io voglio andare a compiere la 'jihad', ma sono l'unico che si prende cura dei miei genitori". Rasul Allah, sallalahu 'alayhi wa 'alihi, gli rispose: "Rimani e prenditi cura dei tuoi genitori. Non hai bisogno di andare a compiere la 'jihad'. La tua 'jihad' è prendersi cura dei tuoi genitori". E poi disse: "Walladhi nafsi biyadih" "Giuro per Allah, nelle cui mani è la mia anima "walladhi nafsi biyadih la unsuhuma bika yawman wa layla khayrun laka min jihadi sana." "Giuro per Allah che se i tuoi genitori hanno 'uns', se i tuoi genitori sono soddisfatti di te per un giorno e una notte, questo è meglio della 'jihad' sulla via di Allah per un anno intero." Un anno intero a combattere e compiere la 'jihad'! Se riesci a rendere felici i tuoi genitori per un giorno e una notte, questo è meglio per te e comporta una ricompensa maggiore di un anno di 'jihad'! "la unsuh huma bik".

A volte i genitori non hanno bisogno di molto, vogliono soltanto vedere i loro figli e le loro figlie, stare con loro, passare del tempo con loro. Sedersi, parlare con loro, socializzare con loro, cenare con loro, pranzare con loro... A volte non hanno bisogno di molto. Questo è ciò che li rende felici: vedere questo bambino, questa figlia che ho cresciuto per tutta la vita seduti qui con me. Questo è qualcosa che fa loro piacere. Così è qualcosa che la religione dell'Islam richiede. E uno dei principi più importanti della religione dell'Islam.

Ora, alcune persone vengono e chiedono: e se i miei genitori non sono credenti? E se i miei genitori non sono musulmani? E' qualcosa che accadeva molto spesso ai tempi del Profeta. Perché? Perché molti si convertivano all'Islam, si convertivano alla religione dell'Islam e i loro genitori erano ancora adoratori di idoli, i loro genitori non si erano convertiti alla religione dell'Islam. Così andavano dal Profeta, andavano dagli Imam e chiedevano loro: e i miei genitori? Cosa devo fare con i miei genitori? I versetti che ordinano amore e compassione sono stati rivelati in quel contesto. Quando i tuoi genitori non sono musulmani, devi mostrare tutta questa compassione. Ora, immagina quanta compassione e amore devi mostrare loro se i tuoi genitori sono musulmani! .

Uno dei compagni dell'Imam al-Sadiq, alayhi assalam, di nome Zakariah ibn Ibrahim, quest'uomo era un cristiano, vide l'Imam al-Sadiq, alayhi assalam, e si convertì alla religione dell'Islam. Così venne in 'Hajj', per compiere l''Hajj', vide l'Imam a Mina. Una volta era durante l''Hajj' che le persone di tutto il mondo musulmano venivano a incontrare il loro Imam e abbiamo una narrazione che dice che l'Imam prende sempre parte all'Hajj, il che significa che anche l'Imam del nostro tempo prende parte all'Hajj, incontra gli 'hujjaj' e potrebbe incontrare anche noi. Lui ci vede di sicuro, forse lo vediamo anche noi, ma non sappiamo di averlo visto. Quindi l'Imam partecipa sempre all'Hajj ed era così anche ai tempi degli altri Imam.

Così l'Imam Al-Sadiq, 'alayhi assalam, sta compiendo l'Hajj. Quest'uomo, Zakariah Ibn Ibrahim, va dall'Imam e gli dice: "Mia madre è cristiana. Mia madre vive a Kufa, in Iraq, ed è cristiana, non è musulmana, ma io mi sono convertito alla religione dell'Islam. Cosa devo fare con mia madre?" L'Imam gli dice: "Ora che sei diventato musulmano, devi mostrare ancora più rispetto a tua madre. Ora devi mostrare ancora più amore a tua madre. Devi onorare tua madre, rispettarla, prenderti cura di lei, provvedere ai suoi bisogni e a tutto ciò di cui ha bisogno".

Così quest'uomo, Zakariah Ibn Ibrahim, torna a casa dopo l'Hajj, torna a casa e va da sua madre, comincia a prendersi cura di sua madre, comincia a lavarle i piedi, comincia a nutrire sua madre. E' diventata fragile, malata. Egli comincia a nutrire sua madre, a prendersi cura di lei. Ella se ne accorge, gli dice: "Oh mio caro figlio, vedo che mi tratti diversamente. Prima mi trattavi in un modo e ora mi tratti in modo molto diverso". Egli risponde: "Sì, è perché mi sono unito alla religione dell'Islam e il mio signore, Ja'far Al-Sadiq mi ha detto di fare questo". Ella chiede: "Chi è Ja'far Al-Sadiq, è un profeta?" Le risponde: "No, non è un profeta. E' uno dei discendenti di un profeta". Ella dice: "E' questa l''akhlaq' [etica] dell'Islam? Allora testimonio che non c'è altro Dio all'infuori di Allah e Muhammad è il Messaggero di Allah". Divenne musulmana e poi morì. Allora quest'uomo andò dall'Imam e gli disse: "Mia madre è diventata musulmana". L'Imam gli rispose: "Vedi? E' stato grazie all''akhlaq' che predica la religione dell'Islam."

E' questo che la religione dell'Islam richiede: se vuoi che la tua vita sia benedetta, se vuoi che accada qualcosa di buono nella tua vita... Ci sono molte porte, ma una delle porte più importanti passa per i genitori: consiste nel fare felici i genitori, ,rendere i genitori soddisfatti, e specialmente la madre. Specialmente la madre.

In un 'hadith' Rasul Allah, sallallahu 'alayhi wa 'alihi, sallu 'ala Muhammad wa 'aali Muhammad. [Allahumma salli 'ala Muhammad wa 'aali Muhammad], dice: "Man sarrahu an yumadd fi umrih wa yazdaadu fi rizqih fal yamsi baarran li waaliday wa sulan li rahima." Chi desidera prolungare la propria vita "Man sarrahu an yumaddu fi umrih wa yaz daadu fi rizqih" e aumentare il suo sostentamento... Cosa deve fare questa persona? "Fal yamsi baarran li waaliday": "questa persona deve ssere 'baar'". 'Baar' significa 'in contatto': una persona che rispetta, onora, si prende cura dei proprii genitori. "Wa sulan li rahima": non soltanto i genitori, la tua famiglia! I tuoi fratelli, le tue sorelle, i tuoi cugini, i tuoi nonni. Questo è ciò che la religione dell'Islam richiede. Vai e costruisci una relazione con loro, mantieni forte questa relazione, mantieni questo legame molto forte. Ne derivano così tante benedizioni!

Un giorno il Profeta Musa, alayhi assalam, chiese ad Allah, "Ilaahi, chi è il mio vicino in paradiso?" Chi è il vicino del Profeta Musa in paradiso. Allora Allah Subhana wa Ta'ala gli disse: "Il tuo vicino è 'fulaan', questa persona, lo puoi trovare in questo villaggio." Così il Profeta Musa, alayhi assalam, va alla ricerca del suo vicino in paradiso. Chi sarà il vicino del Profeta Musa, uno dei Profeti 'Ulul 'Azam'? Il Profeta che ha salvato tutti gli ebrei, li ha salvati da Fir'aun, è lui che li ha aiutati... E, sapete, ciò che ha fatto il Profeta Musa non è per niente facile! Quindi chiunque il Profeta Musa stia cercando deve essere a un livello molto alto. Il profeta Musa va, chiede: "Dov'è questa persona?" La trova, vede che il suo vicino in paradiso è un macellaio, uno che fa un macellaio. E' sorpreso. Poi va a conoscerlo, vuole vedere cosa fa di così speciale: passa tutta la vita in preghiera? Fa la carità? Cosa fa questa persona per essere è così unica e speciale? Lo osserva, vede che non ha fatto niente di speciale, niente di diverso da quello che fanno le altre persone nella società.

Poi dice a questa persona - non gli dice che è Musa, non gli dice che è un profeta di Allah, si comporta come un estraneo - gli dice: "Voglio passare la notte con te. Sono venuto da un altro villaggio, da un'altra città, voglio passare la notte con te". L'uomo gli dice: "Va bene, ahlan wa sahlan, vieni e resta con me". Il Profeta Musa vuole rimanere con lui quella notte solo per vedere cosa fa di così unico, di così così particolare da diventare il vicino del Profeta Musa.

Vede che questa persona va a dormire. Niente di unico finora. Si aspettava che questa persona si alzasse e pregasse le preghiere di mezzanotte, la salaah. Poi la mattina vede che quest'uomo, questo macellaio, prima di uscire di casa, va in una stanza della casa, passa un po' di tempo in casa e poi ritorna. Allora il Profeta Musa gli chiede: "Cosa hai fatto? Chi c'è in quella stanza?" Gli risponde: "in quella stanza c'è mia madre. E mia madre è malata, mia madre è paralizzata, quindi devo lavarla, devo cambiarle i vestiti, devo darle da mangiare, devo prendermi cura di lei. E per darle da mangiare devo masticare il cibo e poi metterglielo in bocca in modo che possa mangiare perché non ha i denti". Allora il Profeta Musa gli dice: "Cosa ti dice tua madre?" Risponde: "Per ogni boccone che le metto in bocca, mi dice: "Oh Allah fallo diventare il vicino di Musa". Per ogni boccone che le metto in bocca mia madre fa un du'a, dice: "Oh Allah, fa' che questi sia il vicino del Profeta Musa"." Il Profeta Musa gli dice: "Io sono Musa e sono venuto a darti la buona notizia che sarai il mio vicino in paradiso". Solo perché sua madre ha fatto du'a per lui.

Questa è la benedizione, la du'a della madre, ciò che la du'a della madre può fare: arriva molto lontano. E naturalmente può essere anche fonte di infelicità nella vita di una persona. In che modo? Se la madre non è soddisfatta. Se la madre di una persona non è soddisfatta di quella persona, questo potrebbe essere una fonte di infelicità e di sventura nella vita di quella persona.

Al tempo del Profeta, Rasul Allah sallallahu 'alayhi wa 'alihi, c'era un uomo, vanno dal Profeta e gli dicono: "Questo giovane sta morendo". E' in 'sakarat il-mawt', gli ultimi momenti prima della morte, ma è in uno stato di sofferenza, non è risce a morire. Sapete, per alcune persone si tratta di un processo molto lungo e molto difficile, mentre altri muoiono immediatamente. Così dicono al Profeta: "Oh Rasul Allah, vieni da questa persona e vedi cosa puoi fare per aiutarla, per alleviare la sua sofferenza." Rasul Allah va e chiede: "Pregava? Digiunava? Ha adempiuto ai suoi obblighi religiosi?" Gli dicono: "Sì, era sempre nella 'masjid' [moschea]. pregava. Ha fatto tutto". Allora il Profeta chiede: "Cosa manca nella vita di questa persona? Se ha fatto tutto, allora perché soffre ancora in questo modo nei suoi ultimi momenti?" Allora Rasul Allah chiede: "Questa persona non ha una madre? Dov'è sua madre?

Viene sua madre. Rasul Allah le chiede: "Sei contenta di tuo figlio? Sei soddisfatta di questo tuo figlio?" La madre, in tutta onestà, risponde: "No, Rasul Allah, mi ha ferito. Mi sono presa cura di lui, ho fatto così tanti sacrifici per lui! Ho fatto tutto quello che potevo fare per lui, solo per vederlo crescere forte e sano, avere successo... Ma poi si è rivoltato contro di me. Mi ha offeso, mi ha ferito. Mi trascurava costantemente e mi offendeva. A essere onesti, non sono contenta di lui." Rasul Allah dice: 'Ecco qui: la ragione per cui sta soffrendo è perché tu non sei soddisfatta di lui. Quindi, se sei soddisfatta di lui, la sua sofferenza finirà". La madre dice: "Non posso, oh Rasul Allah, è troppo difficile. È troppo difficile".

Allora Rasul Allah ordina ai musulmani di portare del fuoco, di portare del fuoco e di raccogliere della legna. E poi dice loro di accendere il fuoco. Accendono il fuoco di fronte alla madre e poi Rasul Allah dice loro di prenderlo e gettarlo nel fuoco. Subito la madre dice: "Oh Rasul Allah! Vuoi bruciare mio figlio?". Il Profeta le dice: "Poiché non sei soddisfatta di lui, brucerà in un fuoco che è molto più doloroso di questo fuoco che vedi con i tuoi occhi, che vedi qui di fronte a te". Allora la madre dice: "Sono contenta di lui, Rasul Allah!" E questo è il cuore della madre. ,: "Oh Rasul Allah, sono contenta di lui! Per favore, non voglio vederlo soffrire!" Allora Rasul Allah sallallahu 'alahi wa 'alihi, insegna al giovane una du'a e gli dice di ripetere quella du'a dopo Rasul Allah, sallallahu 'alahi wa 'alihi . E la du'a dice: "Ya man yaqbal ul-yaseer wa ya'fu an il-kathir iqbal minni il-yasir wa'fu unni il-kathir.'

'Ya mayyaq balul yasir'. Allah accetta il poco che facciamo "Ya man yaqbal ul-yaseer wa ya'fu an il-kathir" ed perdona i molti peccati che abbiamo commesso. "Iqbal minn il-yasir": accetta il poco che ho fatto di bene e ignora il tanto di male, i molti peccati che ho commesso nella mia vita!

Così, da questa storia, impariamo che 'huquq al-waalidayn' impedisce di pronunciare la 'shahada' [testimonianza di fede in Dio e nel Profeta] negli ultimi momenti di vita: non sarai in grado di dire la 'shahada' quando stai per morire.

Dopo che Rasul Allah gli ha insegnato a dire questo, l'uomo comincia a parlare. Dice: "Sento che qualcosa di molto oscuro e brutto mi è stato tolto di dosso. Mi stava soffocando. Mi è stato tolto. E ora vedo uno spirito molto luminoso, o una luce che viene verso di me." Poi pronunciò la 'shahada' e morì. Ma poiché sua madre non era soddisfatta di lui, non era in grado di recitare la 'shahada'.

Ci sono molte storie - narrate nel Qur'an, dall'Ahlul Bayt, dal Profeta - sull'importanza di rispettare e onorare i genitori e specialmente la madre. Perché la madre non è soltanto quella che si prende cura di te, non è tanto quella che ti ha cresciuto: è la tua prima insegnante, è la prima ad amarti, è la prima a rispettarti. È la prima a vedere in te la bellezza! Sapete, quando un bambino è appena nato... Di solito i bambini appena nati non sono molto belli. L'unica che li vedi belli è la madre. L'unica che guarda quel bambino e non vede nulla di sbagliato in quel bambino è la madre.

Questo è il compito della madre. Ed è per questo che la madre ha una posizione di grande rispetto ed è molto onorata nella religione dell'Islam. Tuttavia oggi vediamo che nella nostra società la maternità è messa da parte. Si insegna alle donne ad andare in cerca di successo, a diventare questo e quello: "Perseguire tutti i vostri sogni e tenete la maternità per dopo, quando sarete più grandi".

No. La maternità è un compito sacro che Allah Subhana wa Ta'ala ha affidato soltanto a un certo gruppo, a certe creature specifiche, cioè alle donne. E la maternità non è un compito facile. Fatima az-Zahra, alayha assalaam, non era forse una madre? Khadij non era forse una madre? Sayyida Zainab non era una forse a madre? Ci sono molte donne rispettabili che sono onorate, aprezzate e lodate nella società e non sono state ostacolate dalla maternità. La maternità non ha impedito loro di raggiungere il loro massimo potenziale.

Anzi, a volte, proprio diventando genitori, sposandovi, sarete in grado di raggiungere il vostro potenziale nella vita molto più velocemente e molto più rapidamente, perché sarete più determinati. Vi prefiggerete un obiettivo nella vita e lavorerete più duramente per quell'obiettivo. Molte persone che non hanno un obiettivo nella vita... Si vede che stanno cercando di arrivare a qualcosa, ma è molto difficil. Invece quando sei sulla via del matrimonio, della maternità, della genitorialità dedichi il tuo tempo - e tutto il tempo che hai - a raggiungere il tuo obiettivo, per realizzare le tue ambizioni e il tuo potenziale nella vita.

Quindi la maternità non ti impedisce di diventare ciò che vuoi essere. Anzi a volte ti aiuta a diventare una persona migliore. Ti aiuta a capire qual è il tuo obiettivo nella vita. A volte i nostri obiettivi nella vita... Non sappiamo esattamente cosa vogliamo. Cerchiamo di ottenere qualcosa e soltanto più tardi, quando siamo più grandi, ci rendiamo conto che stavamo inseguendo la cosa sbagliata. Quando hai una famiglia, sei in grado di vedere i tuoi obiettivi nella vita molto piùchiaramente. Ti rendi conto di cos'è questa vita, di qual è la bellezza di questa vita.

E il compito della maternità - che è uno dei compiti sacri, un ruolo sacro che Allah Subhana wa Ta'ala ha dato soltanto alla donna - la maternità e la genitorialità per alcuni è soltanto, sapete, dare ai figli dei vestiti, nutrirli, dar loro da mangiare e questo è tutto, questo è fare i genitori. Essere genitori non è soltanto questo. Essere genitori è molto più di questo.

Essere genitori è un compito sacro che Allah Subhana wa Ta'ala ha dato a certe persone che egli ha scelto. E con la maternità vengono anche le responsabilità. Con la genitorialità vengono le responsabilità. Alcuni genitori cercano solo di rafforzare i propri figli, e assicurarsi che stiano bene in questa vita. E trascurano la vita a venire. Ma un vero genitore, un genitore che vede il futuro dei propri figli, non si preoccupa soltanto del futuro dei propri figli in questa vita, si preoccupa del futuro dei propri figli in questa vita e nella vita a venire, perché quella è la vera vita.

Allah dice nel Qur'an: "Ya ayyu alladhina aamanu qu unfusakum wa ahlikum naaran waquduhan naasu wa al-hijaara" (66:6) "Proteggete voi stessi e proteggete la vostra famiglia nella vita a venire". Ora, qualcuno soffre per qualche giorno in questa vita, ha delle difficoltà in questa vita. Ma questo è tutto. Questa vita finisce per tutti, ognuno di noi se ne dovrà andare. Ma la vita a venire, quella è l'essenza, è di quella che ci dovremmo preoccupare, è per quella che dovremmo lottare, per noi stessi e per i nostri figli.

Ed è per questo che ricordiamo Umm Al-Banin. Umm Al-Banin, la moglie di Amir Al-Mu'minin. Cosa la rendeva così speciale? Amir Al-Mu'minin aveva anche altre mogli. C'erano molte donne. Umm Al-Banin non è dei Bani Hashim. Viene da un'altra tribù araba, i Bani Kilaab. Ora, cosa rendeva Umm Al-Banin così speciale? Oggi se vistate il cimitero di al-Baqi', se siete a Medina e andate a al-Baqi', vedete che ci sono le tombe di tanti compagni, di molte delle mogli del Profeta. Non c'è nessuno. Non ci sono molte persone sulle loro tombe. Ma c'è sempre una folla sulla tomba di Umm Al-Banin.

Ancora oggi Umm Al-Banin è nel cuore di chi ama l'Ahlul Bayt. Perché? Perché ha dimostrato amore per l'Ahlul Bayt e l'ha insegnato ai suoi figli, ha cresciuto e nutrito i suoi figli con l'amore dell'Ahlul Bayt, alayhimu assalaam. E per questo Allah Subhana wa Ta'ala ha posto l'amore per lei nei cuori dei mu'minin. Tutti i mu'minin si sentono leagti a Umm Al-Banin.

Perché? Era la moglie di Amir Al-Mu'minin, ma aveva i suoi figli: la gioia dei suoi occhi, la bellezza della sua vita. Aveva quattro figli, ma li ha sacrificati tutti sulla via dei figli di Fatima, sulla via dell'Ahlul Bayt, alayhimu assalaam. Tutta la sua vita fu una vita di sacrificio per il bene dell'Ahlul Bayt. Anche quando Amir Al-Mu'minin la sposò. Quando la sposò vide che era molto bella. Le chiese - il suo nome era Fatima Bint Huzaam al-Kilaabiyyah - "Oh Fatima, cosa desideri da parte mia? Cosa posso darti? E' la tua notte di nozze. Cosa posso darti?" Ella gli rispose: "Non chiamarmi più Fatima, perché ogni volta che mi chiami Fatima, questo spezza il cuore di Hasan e Husayn e Zainab e Umm Kulthum". Così Amir Al-Mu'minin la chiamò Umm al-Banin: la madre dei ragazzi.

Ed ella gli dette dei figli, ebbe quattro figli e li crebbe, li crebbe per tutta la vita per sacrificarli e mostrare amore ai figli di Fatima, ai figli di Rasul Allah, sallallahu 'alayhi wa 'alihi. Ecco perché il giorno di Ashura i figli di Umm Al-Banin, Abul Fadhl Abbas e i fratelli di Al-Abbas, subito, senza alcuna esitazione, andarono a sacrificare le loro vite per il bene del loro fratello Imam Al-Husayn.

Shimr ibn dhil-Jawshan venne perfino con una lettera la notte di Ashura. Venne con una lettera di Ubaidullah ibn Ziyad. E questa lettera non aveva lo scopo di affrettare la vittoria nella battaglia, aveva lo scopo di spezzare il cuore dell'Imam Al-Husayn, di spezzare la schiena dell'Imam Al-Husayn. Nella lettera Shimr chiama Al-Abbas e i fratelli di Abul Fadhl Abbas e dice loro: "Vi offro 'amaan', vi offro sicurezza".

Stracciarono subito la lettera davanti a lui, gli dissero: "Wayhak! Tu'tina al-amaan wa ibn ar-Rasull Allah la amaana lah?!", "Tu ci offri sicurezza e rifugio e al figlio di Rasul Allah, alla famiglia di Rasul Allah non dai rifugio?!" Stracciarono la lettera e furono tutti uccisi sulla via dell'Imam Al Husayn. Ma Umm Al-Banin, alayha assalam, rimase a Medina in attesa di notizie.

Quando le giunse la notizia, pianse. Versò così tante lacrime per l'Imam Al-Husayn prima di piangere per i suoi figli... Dicono che andava al cimitero di al-Baqi' e disegnava quattro tombe, quattro tombe finte. E poi si metteva a piangere. E poi disegnava una quinta tomba accanto a loro. E poi distruggeva quelle quattro tombe e si sedeva a piangere su quella quinta tomba che simboleggiava la tomba dell'Imam Al-Husayn, alayhi assalam.

Si sedeva nel cimitero di al-Baqi' e piangeva, tanto che persino Marwan, Marwan ibn Hakam, che era il governatore di Madina, quando passava davanti a lei piangeva nel vedere Umm Al-Banin piangere per i suoi figli e piangere per l'Imam Al-Husayn. Ella si sedeva e gemeva: "La taduwanni wayki Umm Al-Banin! Tudhakirini bil yuthil arin." Non chiamatemi più Umm Al-Banin perché quando mi chiamate Umm Al-Banin mi ricordate i miei figli".

"'La tad uwanni wayki Umm Al-Banin! Tudhakirini bil yuthil arin, kaanat banun ulli li ya'ud'aa bil wa aliyawm asbahtu walaa min banin layta sha'ri akama akhbaru bi anna Abbasal qatee'a al-yamin". Piangeva quando ricordava i suoi figli e i figli di Rasul Allah.

"'Ana laagha ya fa 'ala dharbi dhaun wa saahihil yarhuni wa yajun qil man ila ghaya bi yalfun wa ana gha'ibi billah admadfun. La hawla wala quwata illa bi-Llah al-aliyyi al-adhim. Inna li-Llahi wa inna ilayhi raji'un".

Alziamo le mani in du'a. Ci sono molti che sono malati. E' stato fatto il nome di un fratello che è malato e che ha bisogno della nostra du'a e ci sono molti che ci hanno chiesto la du'a, soprattutto in nome di Umm Al-Banin. Facciamo un nadir, un voto. Chiediamo ad Allah per l'amore e la posizione di Umm Al-Banin: Allah Subhana wa Ta'ala risponderà alla nostra preghiera.

"Na as'aluka Allahumma wa nad'uk bismiKa al-adheem al-a'dham. 'Ala azzal ajal al-ikrami Ya Allah. Ya Allahu Ya Rahmanu Ya Rahim Ya muqallib al-qulub, thabbit qulubana 'alaa deenik. Allahumma ghfirli al-mu'minina wa al-mu'minaat al-ahyaai minhum wa al-amwaat taabi'i allahumma baynana wa baynahum bil khayraat. Innaka mujibu da'awaat. Innaka ghaafir ul-khati'aat. Innaka 'alaa kulli shay'in qadir."

Recitiamo anche questo versetto tre volte per la 'shafaa' [guarigione] dei malati: bismillah Al-Rahman Al-Rahim "Amman yujibu 'lmudtarra idaa da'aahu wa yakshifu 's-sooo'" (27:62), "Amman yujibu 'lmudtarra idaa da'aahu wa yakshifu 's-sooo'", "Amman yujibu 'lmudtarra idaa da'aahu wa yakshifu 's-soo'" ["Non è Lui Che risponde quando l’affranto Lo invoca, Che libera dal male e Che ha fatto di voi luogotenenti sulla terra? Vi è forse un’altra divinità assieme ad Allah? Quanto poco riflettete!"]

Wa al-hamdulillah Rabb Al-Alamin wa sallallahu 'ala Muhammad wa 'ala alihi at-tahirin.