The Prophet Never Forgot the Good Others Did for Him

Also find this in the life of the Prophet, the Sirah of the Prophet, those individuals who helped him very early on, when he was nobody, he was nothing to anyone. Early on, our Prophet was just a yatim [orphan]. Early on, that's who he was. According to some narrations, people didn't even want to take him as a child. Some scholars say this, he was in a situation where people said, he's Yatim, we don't even want him.

That's how he ended up with Halima, according to some narrations. But later on in his life, he became this Prophet and these companions and all of that, but he never forgot the good that his relatives did unto him. 30, 40 years later, after he was a Prophet, when Halima used to come and the husband of Halima used to come, you see the respect that the Prophet used to give to Halima. That the narration says, when Halima used to come or the husband of Halima used to show up, he used to take off his own aba' and he used to spread it under the husband of Halima, and then the narration says Halima joined and then he spread it even more, and he asked Hadima to sit as well.

And amongst those women who also aided the Prophet when he was nobody. Fatimah Bint Asad, the mother of Ali Ibn Abi Talib. And you find that he never forgot the work that Fatimah Bint Asad did for him when he was a yatim and when he was an orphan.

The Prophet used to hold onto these relationships. When Fatimah Bint Asad was leaving this world or had passed away and they wanted to bury the body of the mother of Ali Ibn Abi Talib, he turned to Ali, he said: "ya Ali, if Fatimah was a mother for you, she was also a mother for me as well".
 

Si trova anche questo nella vita del Profeta [la pace di Dio sia su di lui e sulla sua famiglia]: nella sua 'sirah' si parla anche delle persone che lo hanno aiutato fin dall'inizio, quando non era nessuno, quando nessuno lo conosceva.

All'inizio il nostro Profeta [la pace di Dio sia su di lui e sulla sua famiglia] era soltanto uno 'yatim' [orfano]. Ecco cos'era all'inizio. Secondo alcune narrazioni [che però probabilmente non sono autentiche, ma fabbricate per sminuire la sua figura], le nutrici non volevano nemmeno prenderlo da bambino. Secondo alcuni studiosi la gente diceva: "E' uno 'yatim', non lo vogliamo." Ed è così che, seconde alcune narrazioni, finì con Halima. [Altri fanno notare che era comunque membro della tribù più potente della Mecca e apparteneva alla famiglia del suo capo, quella dei Banu Hashim, che l'aveva sostanzialmente adottato].

Più tardi nella sua vita è diventato un Profeta seguito da molti compagni e tutto il resto, ma non ha mai dimenticato il bene che i suoi parenti gli hanno fatto. Trenta, quarant'anni dopo, quando era già riconosciuto come Profeta, se incontrava Halima o il marito di Halima, li trattava con grande rispetto. Una narrazione dice che quando arrivavano Halima e il marito di Halima, il Profeta [la pace di Dio sia su di lui e sulla sua famiglia] si toglieva l'aba' [soprabito] e la stendeva a terra per farli sedere.

Fra le donne che aiutarono il Profeta [la pace di Dio sia su di lui e sulla sua famiglia] anche quando non era nessuno c'è Fatimah Bint Asad, la madre di 'Ali Ibn Abi Talib. E dalle narrazioni emerge che egli [la pace di Dio sia su di lui e sulla sua famiglia] non ha mai dimenticato ciò che Fatimah Bint Asad ha fatto per lui quando era uno 'yatim', quando era un orfano.

Il Profeta [la pace di Dio sia su di lui e sulla sua famiglia] aveva l'abitudine di mantenere queste relazioni. Quando Fatimah Bint Asad stava lasciando questo mondo o era appena morta e il corpo della madre di 'Ali Ibn Abi Talib [la pace di Dio sia su di lui] doveva essere sepolto, egli [la pace di Dio sia su di lui e sulla sua famiglia] si rivolse ad 'Ali e disse: "Ya 'Ali, se Fatimah è stata una madre per te, lo è stata anche per me".